Costruzione carrelli Stearman PT17

(PARTE TERZA)
Costruzione Mozzo ruota
Il mozzo ruota e’ ricavato da barra Dia 20mm e portato successivamente a 18 previa semplice tornitura.  Il passaggio successivo e’ stata la foratura per l’asse ruota a Dia 6mm.  Di queste fasi non ci sono foto, data la loro facile interpretazione a memoria.
Ho ripulito la fresa dai precedenti trucioli prima di andarci a piazzare il mozzo, per farvi la “centratura”, operazione necessaria prima della successiva  foratura. Foto 1 – 2 – 3.
Dalla foto 3 si vede che ho gia’ ruotato la testa fresa secondo l’angolo di inclinazione dato dal progetto.

Foto 1

Foto 2

Foto 3

Passo alla foratura definitiva che avviene in due fasi,  comprensive di una “preforatura” a Dia 7mm per arrivare alla finale Dia 11.5.    Foto 4 e5.

Foto 4

Foto 5

Senza spostare ASSOLUTAMENTE  la testa, piazzo una fresa di tipo Frontale o a Lamare Dia 16mm, per procedere alla esecuzione dell’alloggio dell’Asta, come da progetto. Foto 6.

Foto 6

Il risultato finale sara’ quello della Foto 7, mentre sulla Foto 8 si vede la prova di posizionamento sulle aste.

Foto 7

Foto 8

Per evitare che durante la fase di saldatura del Mozzo all’Asta, esso possa ruotare, provvedo alla esecuzione di un foro M4, per alloggiarvi in seguito un grano di fermo. Foto 9

Foto 9

Pesatura

E’ giunto il momento di dare una occhiata al peso per non trovarmi a sorprese.
Dalle foto 1 e 2 si vede che sono gia’ a 200gr.
Decido di alleggerire quello che mi e’ possibile.
Agisco sugli steli e vado ad eseguire un foro Dia 7mm profondo 90mm, partendo dalla faccia a contatto con la molla.
Inoltre alleggerisco ulteriormente i pezzi dei Compassi.

Guadagno per ogni carrello circa 35gr.   Non e’ male………… 70 grammi sui due carrelli mi “regaleranno” le molle e gli scontri superiori in ABS.

Foto 1

Foto 2

Saldatura e Finitura

Il posizionamento dei Cardini cerniere richiede una certa precisione, nel rispetto delle quote a progetto, specialmente non variare la escursione dello Stelo.  Bisognera’ inoltre evitare disallineamenti sugli assi verticale e trasversale che potrebbero compromettere altrimenti la libera rotazione dei compassi.
A questo scopo ho creato dei semplici fermi che terranno bloccato il tutto durante la fase della saldatura.   Ho ricavato una fettuccia larga 12mm da una  lastra di lega leggera,  Sp. 1.5mm. Ho visto che grosso modo questa fettuccia avrebbe dovuto avere una lunghezza sviluppata di circa 120mm. Ho praticato sulle teste della stessa  dei fori da 4 mm.
A questo punto ho assemblato dentro la fettuccia i Cardini e i Compassi tenendoli con una vite M4 e dado e il tutto infilato sulla Canna da una parte e sullo Stelo dall’altra.
Con un paio di pinze ho strizzato preventivamente la fettuccia rispettivamente attorno alla canna e allo stelo, quel tanto che ne permettesse un certo bloccaggio.
Come si vede dalle foto, sotto le viti dove ho strizzato la fettuccia, c’e’ una rondella piana.   Il trucco sta tutto nell’eseguire il foro sulla fettuccia accoppiata, in modo che le rondelle vadano a mordere quella parte di fettuccia che si avvolge sulla canna e stelo.

In questo modo, piu’ che si serra la vite e piu’ le rondelle ”tireranno” il tutto sulla gamba.

Insomma…….. piu’ difficile da pensare che da fare !!! 

Dopodiche’ ho avvolto le aste con del nastro adesivo (ognuno puo’ usare quel che piu’ gli aggrada) per evitare che qualche “schizzo” di saldatura le potesse sciupare.

Adesso tocca ai Mozzi ruote e il loro posizionamento sugli Steli.
Dopodiche’ ho avvolto le aste con del nastro adesivo (ognuno puo’ usare quel che piu’ gli aggrada) per evitare che qualche “schizzo” di saldatura le potesse sciupare.

Foto 1 –  1a – 1b – 1c.

Foto 1

Foto 1a

1b

 

1c

Adesso tocca ai Mozzi ruote e il loro posizionamento sugli Steli.

Per fare questo ho disegnato un piccolo tracciato  (Vedi Foto) di come andranno a bordo del modello.
Ho poggiato il tutto su un piano ed ho infilato un tondino nei mozzi per tenerli bene allineati e li ho bloccati tramite il grano M4.

Tracciato angolatura Gambe

Adesso e’ tutto pronto per la avventura dal saldatore.

Le Foto 2 e 2a evidenziano, a saldature effettuate che il nastro si e’ si’ bruciacchiato, ma ha fatto bene il suo lavoro.

Foto 2

Foto 2a

Si denota  inoltre la ottima qualita’ della saldatura eseguita da un operatore davvero in gamba !
Adesso non mi rimane che smontare le fasce di serraggio, togliere il nastro e procedere con l’assemblaggio dei Compassi sulle gambe.
Gli assi cerniera sono costituiti da tubetto ottone Dia 4x3mm, sui quali ho praticato la sede per gli anellini di sicurezza, mentre l’assettino del “ginocchio” e’ un tubetto ottone Dia 3×2.4 opportunamente ribadito sulle due testine.

Il tutto cosi’ assemblato e’ ben visibile sulle Foto  3 – 3a – 4 – 4a – b – c .

Foto 3

Foto 3a

Foto 4

Foto 4a

Foto 4b

Foto 4c

Una rilucidatina al tutto e………il carrello, per quanto riguarda la gamba nel suo assieme e’ cosi’ terminato.

Adesso rimarra’ da costruire il sistema di bloccaggio sulla fusoliera.

Sara’ a cura del costruttore del PT17 e sara’ sempre lui a descriverne le caratteristiche di interfacciatura affiche’  nel progetto susseguente, il sistema di bloccaggio risulti resistente alle sollecitazioni  senza andare a discapito della funzionalita’, del peso e dei costi.

Info su Sergio

68 anni, disegnatore meccanico progettista- Specializzazione in mezzi subacquei. Appassionato aeromodellismo e sottomarini RC. Aeromodellismo dall'eta' di 12 anni e RadioComandato dal 1966. Modelli naviganti di Sottomarini Radioc. dal 1987. Purtroppo, mi sono affacciato ai PC e ad Internet in eta' tale , per cui molte delle mie realizzazioni (dal semplice trainer alle mie maxi riproduzioni) potranno essere presentate solo in foto, gia' terminate e senza un Build Log allegato.
Questa voce è stata pubblicata in tecnica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Costruzione carrelli Stearman PT17

  1. Daniele scrive:

    Da un professionista serio come te, non ci aspettavamo niente di meno.
    Complimenti per i disegni….sono in vendita?

    Daniele.

  2. Daniele scrive:

    Hai fatto proprio un bel lavoretto. I compassi antitorsione poi, sono il tocco finale. Complimenti.
    Adesso la palla passa a me, per preparare gli attacchi per fissarlo alla fusoliera, già opportunamente irrobustita nel punto di fissaggio. Quindi, a breve posterò la quarta ed ultima parte per quanto riguarda i carrelli e il loro fissaggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *