Maschiatore autocostruito 16mm passo 4mm

Questa settimana, ho pensato di autocostruirmi delle chiocciole di riserva per la mia CNC, ma girovagando nel WEB, ho notato che per comperare 3 chiocciole (servono per il movimento degli assi e devono essere il più precise possibili), vanno via circa 80€, allora ho maturato l’idea di autocostruirmele, ma per farle devo prima crearmi un maschiatore per filettare internamente le chiocciole.

Purtroppo i maschiatori di questo genere costano oltre i 100€, allora mi son detto, siamo o non siamo hobbysti, quindi son partito in quarta è ho realizzato il mio maschiatore.

Come già detto, le chiocciole devono essere precisissime e non devono avere dei giochi nei movimenti superiori a 1-2 centesimi di millimetro, quindi ho preso un pezzo (circa 15cm) di vite trapezia identico alla vite senza fine impiegata per la mia cnc ed ho cominciato a tornire le due estremità e l’ho messa sul piano di lavoro, ben ferma da una morsa (economicissima)….

Una volta fissato il pezzo, ho cominciato la fresatura di 4 solchi per l’evacuazione dei trucioli, come da disegno che segue…..


Ecco la fase di fresatura….

Fatti i 4 solchi, dobbiamo crearci anche una fresatura che ci dia una estremità quadrata per poter usare il maschiatore anche con un comunissimo gira-maschi e poi di volata al tornietto per fare una tornitura per dare una lieve conicità dalla punta sino a 2/3 della totale lunghezza.

Fatta la tornitura, per temprare un tantino i taglienti e per mettere in evidenza eventuali imperfezioni da correggere in seguito con puro olio di gomito, ci ho scaricato la fiammetta ossidrica….

Non finisce qui, ora è il momento di passare alla molatrice da banco per ravvivare i taglienti (soprattutto i discordi rispetto al verso di avvitatura) e per appiattire lievemente i dorsi per evitare inutili attriti in fase di filettatura….

Ed ecco che il nostro maschiatore da 100 euro è bello che fatto, vi lascio con 2 foto dell’utensile homemade fatto, ciao.

Ho fatto delle prove di filettatura ed non essendo pienamente soddisfatto, ho ritenuto opportuno ampliare i solchi di scarico da 3mm di larghezza a 6mm ed accentuato la conicità ed ora va molto meglio.

Seguono le foto del maschiatore modificato e della prima maschiatura fatta in un pezzo di derlin che diventerà (dopo opportuna tornitura) una chiocciola.

Ed eccovi la chiocciola pronta all’uso dopo averla tornita e forata sulla flangia…

Ciao ciao.

Questa voce è stata pubblicata in Cnc. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Maschiatore autocostruito 16mm passo 4mm

  1. Daniele scrive:

    Insomma …..l’uovo di colombo.
    Averci pensato però……
    Michele, ci lasci sempre senza parole.

  2. Michele scrive:

    Grazie, anche se costa fatica, le realizzazioni fatte di proprio ingegno portano altro ingegno ;-P
    Ciao.

  3. Sergio scrive:

    be’, non c’e’ che dire…….altro che uovo di Colombo !!! Questo e’ un bell’uovo di pterodattilo !!
    Ganzissimo e intelligente. E’ vero che gli hai dato una sfiammata e poi ? Lo hai raffreddato ? E dove?
    Sinceramente mentre leggevo il tuo articolo rimanevo perplesso e scettico, fin quando non ho visto che lo usi per filettare un materiale plastico (Delrin nel tuo caso), ed allora la cosa mi hai convinto.
    Se tu fossi in possesso di un divisore da applicare sulla macchina non sarebbe stato male avergli dato un po’ di elica…..cosa ne pensi?.
    Sergio

    • Michele scrive:

      Grazie Sergio, Purtroppo non posseggo macchine professionali e quindi ho dovuto arrangiarmi e per il raffreddamento ho preso uno spruzzatore nebulizzatore (come quello dei detersivi) e mentre lo facevo girare a circa 100 rpm (come un pollo allo spiedo 😀 ) gli spruzzavo l’acqua.
      Il Derlin è forse il materiale più indicato per fare le chiocciole, grazie alle sue proprietà autolubrificanti e per la durata (fino a 4 volte in più rispetto a quelle in bronzo) e consente gioco prossimo al 0,01mm.
      Il creargli un po di elica, ci favorirebbe nel filettare, ma credo che ci potrebbe portare anche ad avere come risultato finale, un gioco (anche se minimo) tale da non renderle ideali per le cnc.
      Mi spiego meglio, solitamente per fare delle chiocciole per una cnc, si prende uno spezzone della stessa vite trapezia (si potrebbe anche andar bene un’altra), proprio per evitare quelle microscopiche differenze che comporterebbero lievi giochi con conseguenti perdite di passi per una cnc (parliamo sempre di max 0.3mm).
      Mentre se facciamo una chiocciola con la stessa vite trapezia, avremo un lieve aumento d’attrito, ma gioco ridotto a circa 0,01mm, che ci consentirebbe di usare la cnc anche per piccoli circuiti stampati.
      Se invece non si vuole faticare molto nel maschiare una chiocciola, conviene farsi un kit di 2 maschiatori, uno per la prima passata e l’altro per la finitura, infatti tra non molti giorni penso di preparare un’altro maschiatore per la prima passata, mentre questo appena fatto lo terrò per la finitura 😛
      Ma ripeto che tale fissazione per la precisione è un mio problema caratteriale e per semplici lavorazioni, anche se ci fossero giochi nell’ordine di 0.1mm, non sarebbe comunque un dramma.
      Ciao.

  4. Luca scrive:

    Ciao potresti realizzarmi delle chiocciole come quelle che ti sei fatto?
    Saluti
    Luca

  5. Antonio scrive:

    Salve non so se segue ancora il suo blog,
    volevo chiederle se per caso si occupava di fare chiocciole anche per venderle? e l’eventuale costo?
    i particolare per viti M10 e M12

    • Michele scrive:

      Salve Antonio, il presente Blog é sempre aggiornato su ció per cui é nato, cioé l’aeromodellismo, la sezione CNC é parte complementare che per via degli impegni lavorativi ho dovuto limitare, ma seguo con interesse tutto ció che gli utenti ed amministratori fanno per la comunity e spero di tornareci ad aggiungere altri articoli :-)

      Tornando a bomba sul discorso chiocciole, basta che mi invii un disegno quotato della chiocciola e numero richiesto per un preventivo, ciao.

      Michele

  6. Raffaele scrive:

    Salve, vorrei chiederle il diametro della punta che usa prima di maschiare, grazie.

  7. massimo scrive:

    e possibile avere un contatto per info?grazie
    saluti massimo

  8. Michele scrive:

    Ciao Massimo, scusa il ritardo, dimmi pure, se vuoi dettagli fammi sapere a:
    m.alberotanz@libero.it

  9. Roberto Papalini scrive:

    Ciao,mi complimento per le tue lavorazioni sono un modellista ed è un piacere di tempo che mi sto dedicando a questo hobby vorrei sapere con l’elettronica come te la cavi poiché ho acquistato un macchinario con servo azionamenti e motori bruschelles come poterli configurare e quale è la soluzione più consona.saluti roberto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *