Svergolamento Alare Geometrico e Aerodinamico

In determinate situazioni, si può rendere necessario avere un’ala con uno svergolamento; cosa è uno svergolamento dell’ala, avete presente le centine che formano una semiala, ebbene queste sono tutte allineate perfettamente dalla prima all’ultima cioè dalla centina alla radice(vicino alla fusoliera o al centro dell’ala) alla centina di estremità.

Se queste centine non fossero allineate perfettamente, tutte con la stessa incidenza, ma se ad un certo punto cambiassero incidenza, allora si direbbe che quella semiala è svergolata, un esempio: l’elica è svergolata, in senso opposto, perché deve ruotare.

Un occasione frequente, dove si usa lo svergolamento, è quando l’ala presenta le estremità molto rastremate, un esempio è il Mustang P-51.In situazioni critiche e di bassa velocità, se il modello si trovasse con l’ala ad un elevato angolo di attacco, va da sé che la parte dell’ala alla radice, fino al centro, essendo con corda di misura superiore all’estremità, mantenga una diversa portanza rispetto alla estremità alare, con corda decisamente inferiore, con il risultato di stallo dell’estremità alare.

Conseguentemente a questo momento, il modello “butterà” giù la semiala che stallerà per prima. Questo fenomeno, generalmente, accade nella fase di decollo se avviene per vari motivi prima di aver raggiunto la velocità ideale, oppure in atterraggio, se ad un certo punto riduciamo troppo la velocità.
Ovviamente, in volo, questo pericolo è quasi impossibile a meno che non cerchiamo intenzionalmente lo stallo.

A questo punto, avendo un modello con un’estremità alare così critica( attenzione non è uno svantaggio, in pieno volo riduce moltissimo la resistenza aerodinamica, dando caratteristiche velocistiche al modello) si cerca di ovviare a tale inconveniente, svergolando le estremità alari dandogli una incidenza negativa rispetto al resto dell’ala.

Info su Daniele

Salve, pratico l'aeromodellismo dal 1988, dopo aver appreso il pilotaggio rc. con motoalianti, mi sono dedicato ai modelli, prima da acrobazia e poi da riproduzione. Il mio interesse e curiosità verso la progettazione degli aeromodelli, mi spinge a dedicarmi alla realizzazione di riproduzioni in scala progettandoli in proprio. Ancora oggi, dopo molte realizzazioni, continuo a progettarli, realizzarli, collaudarli e metterli a punto con grande piacere e divertimento. Per qualsiasi domanda, non avete che da contattarmi. Ciao. Daniele.
Questa voce è stata pubblicata in tecnica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *