CAPRONI AP-1 PROGETTO per SHORT-KIT scala 1:6 Disegno in PDF scaricabile allegato.

Pubblicato il da Daniele in Disegni e Short- Kit |  

Progettato dall’ Ing. Cesare Pallavicino a metà degli anni trenta come aereo d’assalto, la struttura era interamente metallica e con formula monoplana, carrello fisso, biposto, pilota e mitragliere posteriore.
Il prototipo effettuò il volo di collaudo in Aprile del 1934.
Il propulsore impiegato era un Alfa Romeo 126RC34 e l’armamento era costituito da 3 mitragliatrici da 7,7 mm e 410kg di bombe.

Questo velivolo fu utilizzato nella guerra civile di Spagna ed esportato in alcuni paesi dell’America Latina.
Tuttavia non riscosse i favori dei piloti che lo impiegarono e presto fu sostituito dal Breda Ba 64.
RCAeroModellismo, rivisiterà questo aereo cogliendone i pregi e correggendone i difetti adattandolo al volo radioguidato. Osservando le caratteristiche aerodinamiche e la disposizione delle velature, nonchè le sue superfici, pensiamo che ne possa nascere una buona riproduzione, dalla realizzazione semplice e veloce, oltre che un ottimo acrobatico. Quindi, pensiamo che questo modello possa fare due funzioni.

L’ampia apertura alare e di conseguenza la superfice gli donerà un basso carico alare, l’alto spessore alare lo caratterizzerà per un volo medio/lento, mentre il motore scelto, 50cc. benzina gli assicurerà un volo teso. Tutte queste caratteristiche esalteranno un volo acrobatico di alta qualità, infatti se lo osserviamo bene, somiglia molto agli
acrobatici che generalmente possiamo notare presso gli impianti di volo r.c., in più avremo una ottima riproduzione.
Come sempre, in queste configurazioni abbiamo il problema del braccio di leva ant., molto corto in questo caso.
Questo è uno dei motivi per cui abbiamo scelto la scala 1:6 e con 2200mm di ala, per poter installare un motore 50cc. benzina dal peso di circa 1700gr. Questo peso ci aiuterà con il C.G. inoltre la leggera freccia dal bordo di entrata ci aiuterà ad arretrare il C.G.

Con una scala superiore, per avere un’ala da 1700mm, sarebbe stato indispensabile installare un Glow e nemmeno con un 4T si poteva raggiungere un C.G. senza aggiungere una notevole quantità di zavorra, per cui la scelta è caduta obbligatoriamente sulla scala 1:6

questo è il trittico del CAB AP-1

A breve verranno inseriti gli sviluppi del progetto.
Queste le caratteristiche del modello:
Apertura Alare 2200mm
Lunghezza 1644mm
Superficie alare 88.00 dmq.
Motore 50c.c. Benzina
Carrelli Fissi.
Struttura velature centinata
Struttura fusoliera in ordinate


Nelle immagini sopra potete vedere il montaggio della fusoliera sullo scaletto, in questo caso la fusoliera deve essere invertita, cioè deve essere assemblata sotto sopra. Seguite le foto per un corretto montaggio delle parti verticali e dei listelli, data la lunghezza della fusoliera i listelli dello scaletto sono formati da due pezzi, la parte a freccia del listello indica la parte ant e la parte dritta è quella posteriore.

Subito sotto il disegno in PDF scaricabile, utile per l’assemblaggio dello Short-Kit.

CAPRONI AP-1 DISEGNO ALA PDF

CAPRONI AP-1 DISEGNO FUS0LIERA

11 commenti
Pubblicato il in SHOP

Per le caratteristiche tecniche articolo allegato.

2 commenti
Pubblicato il in Aeromodellismo

Circa un paio di mesi fà, ho acquistato lo short-kit del Caproni AP-1 da RCAeroModellismo e lavorandoci con un po di impegno, oggi sono arrivato a questo punto della costruzione, vedi foto sotto.

20180322_124540

Ho anche assemblato la capottina pilota con tutti i pezzi a disposizione forniti nel kit, provata sul modello e devo dire che tutto torna perfettamente.
La parte post.della fusoliera non è completamente rivestita come da origine.
Anche parte delle ali, non ha tutto il rivestimento in balsa da 2 mm, ma verrà rivestita con termoretraibile adeguato.

20180323_191019_resized
In questa immagine ho presentato il pilotino in scala 1:6 per vedere se le dimensioni con l’aereo sono giuste.

20180323_190702_resized
Anche qui le dimensioni pilotino/aereo tornano perfettamente ed il pilota con la tuta di volo color marrone risulta perfettamente in sintonia con i piloti Italiani, anche il volto è abbastanza ” mediterraneo”

Continuando con il lavoro, ho realizzato la naca motore con le due ordinate fornite e poi ho rivestito in resina epossidica il tutto, compresa la parte anteriore.
Anche il motore, un DA-55, è stato installato adeguatamente e risulta perfettamente all’interno della naca, eccetto per le alette della testa che sporgono un poco, ma non interferiscono più di tanto con l’estetica, sembra quasi una sorta di radiatore…
Anche i carrelli, sono completati, simili in tutto all’originale.
Qui sotto alcune foto.
20180328_202456_resized_1

20180328_202804_resized_2

20180328_202511_resized_2

Adesso, sono impegnato alla lavorazione del simulacro motore, per una riproduzione che si rispetti, trovarsi davanti ad un nove cilindri radiale…è d’obbligo!

Ecco il radiale appena stampato in 3D.

20180404_172729

I lavori hanno subito una breve pausa, ma adesso posso mostrare i nuovi avanzamenti e sviluppi. Il modello è stato completamente rivestito in termoretraibile telato ed applicati i rivetti nella zona metallica. La livrea è a tre toni di colore. Applicato anche il carrello autocostruito.

20181201_175628-1

20181201_175643

20181201_175838-2

20181201_175849

20181201_182639

Il lavoro è giunto al termine. Il Caproni AP-1 è terminato in tutti i suoi particolari, rimane solo il collaudo. Adesso non rimane che attendere il momento opportuno ( meteo compreso) per il collaudo.
Qui sotto, le foto del modello finito e pronto al volo.
Siamo anche arrivati alle Feste Natalizie, quini Auguro un Buon Natale e felici Feste a tutti i lettori che mi hanno seguito in questo bellissimo viaggio costruttivo di un velivolo storico Italiano ed in particolar modo Auguri a Vittorio che a seguito con particolar interesse tutti i lavori.

20181209_182002

20181209_182134

Il collaudo è avvenuto, il modello vola molto bene e non presenta alcuna difficoltà. Adesso posso terminare il modello applicando tutti gli stemmi e fregi vari. Appena possibile vi mostrerò le foto in volo, intanto qui sotto una foto con i vari stemmi. Per il centraggio, dato il braccio di leva anteriore molto corto, ho dovuto applicare 700 gr di zavora.

20190109_193610

13 commenti