EXTRA 230 modificato. SCALA 1:3,2 PROGETTO E SHORT-KIT by DANIELE Disegno in PDF scaricabile allegato.


Il velivolo da acrobazia Extra230 è stato progettato da Walter Extra negli anni 80′, questo aereo si può considerare il frutto della esperienza come pilota acrobatico di Walter Extra.
Le caratteristiche erano quelle di un monoplano tradizionale, ala media realizzata in legno e fusoliera in tubi di acciaio saldati, ed era equipaggiato con una unità motrice Lycoming AEIO 360 A1E da 149KW (200CV)
l’aereo aveva una apertura alare di 7,40 mt. ed un peso a vuoto di 440 kg.
e con velocità max di 352km/h ed un rateo di salita di 15m/s.
L’Extra 230 riscosse da subito i consensi di molti piloti acrobatici, tanto da indurre il suo progettista a modificarlo prima nella versione ” 260″ e poi, negli anni 90′ la versione “300”

RCAeroModellismo, vista la mancanza di un modello da acrobazia pura nel suo listino, ha deciso di progettarlo e renderlo disponibile in Short-Kit, anche per via della sua interessante linea e sopratutto per la parte anteriore con rivettature e viti di fissaggio a vista, inoltre anche il cofano motore è molto interessante da riprodurre, perchè sono facilmente realizzabili i pannelli di accesso al motore, rendendolo simile al full-size, senza dover togliere ogni volta l’elica.
Come già detto, il modello sarà in scala 1:3,2 questo per avere una apertura alare di 2300mm, il che lo rende adatto a motori 2T benzina/olio da 50/55c.c.

Al Modello verranno fatte alcune modifiche, sia strutturali che aerodinamiche per renderlo più performante in volo, tipo, piano di quota profilato invece che a “tavoletta controventata” ed un leggero aumento del braccio di leva post. e della corda media alare.
Il piccolo “musetto” ant. verrà realizzato da stampo, come l’originale e per la motorizzazione è previsto un 2T 50/55 benzina/olio.
Mentre per la capottina pilota vedremo se è possibile reperirla in commercio, anzi, se quelche lettore avesse notizie su dove poterla reperire in scala 1:3, ci farebbe molto piacere, altrimenti non dovessimo riuscire a trovarla di adeguata misura, dovermmo procedere allo stampo anche di questo particolare.
Il peso preventivato è di circa 8000gr. e questo darà uno sviluppo di circa 86 gr. dmquadro.

L’ala verrà progettata con centine in compensato di pioppo/betulla con rivestimento balsa/termoretraibile e sarà in due semiali con baionetta centrale in tubo di alluminio.

La fusoliera sarà con ordinate e listelli di giunzione, più rinforzi interni e rivestita in balsa, anche se l’originale era realizzato in tubi di acciaio saldati, questo procedimento ci permetterà di raggiungere un buon risultato lo stesso.

Il lavoro sul progetto continua e sono già state realizzate le parti principali del modello, le ordinate, profili alari e di quota, ma sopratutto è già stato deciso il rinforzo centrale che dovrà sostenere la baionetta alare in tubo di alluminio.
Nelle immagini subito sotto potete vedere due immagini in 3D dello sviluppo della fusoliera.

profilo della fusoliera, si nota lo scasso alare ed il rinforzo centrale, oltre che il traliccio della fusoliera

la parte ant. quella che poi ospiterà il motore, sarà rivestita in betulla da 0,5 mm per creare i cofani motore, si nota il box che dovrà supportare il motore, la sua forma è stata scelta per un migliore appoggio alla parafiamma, i rinforzi centrali devono ancora essere alleggeriti.

L’impostazione generale di massima del progetto è stata ultimata e tutte le parti che compongono il modello sono state elaborate con il programma DevFus, adesso vanno tutte rielaborate al CAD per una personalizzazione del progetto e per l’applicazione di tutti gli accessori ed eventuali attacchi, tipo baionetta ala e fissaggio ala, carrello ecc.ecc…

Qui sotto potete vedere le ordinate già modificate per gli attacchi del supporto interno, queste due fiancate interne conferiranno maggior rigidità alla fusoliera ed esattamente nella parte centrale, dove sarà fissata la baionetta alare.
Questa baionetta in tubo, dimensioni e materiali ancora da decidere, sarà fissata alle due fiancate interne che a sua volta saranno fissate alle ordinate che tramite i listelli di congiungimento renderanno la fusoliera una parte monolitica.
Le due semiali, per essere fissate alla fusoliera, entreranno per alcuni centimetri all’interno della fusoliera, sul bordo di attacco alare e per alcuni millimetri nel bordo di uscita alare.
Quindi sulla fusoliera ci sarà una sede in rientranza a forma di centina alare, questo perchè le fiancate della fusoliera non sono completamente piatte e perchè la fusoliera presenta una forma che va stringendosi in coda.
L’ala sarà dotata di una seconda baionetta a circa il 75% dal bordo di entrata e successivamente fissata ala fusoliera con due perni filettati con dado da stringere all’interno.
Tutte le fusoliere che ho controllato, sono quasi tutte in vetroresina, con dei rinforzi in compensato a forma di centina alare incollati all’interno della fusoliera, ho notato che con il tempo la fusoliera in quei punti tende a incrinarsi e rompersi, questo per la diversa elasticità dei materiali.
Naturalmente, nessuno pretende che siano eterne, ma la diversità di risposta alle sollecitazioni mi farebbe pensare che i due materiali non lavorano in sincronia, sommando le qualità sia dell’uno che dell’atro materiale.
Inizia a delinearsi anche la sagoma della fusoliera e da questo verrà realizzato il disegno utile per la costruzione, si nota la posizione della fiancata centrale, che tra l’altro è formata a pezzi, tra una ordinata e l’altra con i dovuti incastri, al termine diventerà una scatolae come sappiamo, sono le scatolature ad avere la migliore resistenza.

Ancora qualche passo in avanti, il disegno della fusoliera adesso è completo degli ingombri motore, mentre le linee sono state colorate in modo che in fase di stampa PDF ogni colore avrà uno spessore diverso come linea.

[
Il carrello sarà fissato su di un supporto in betulla da 5mm, il quale a sua volta verrà inserito in appositi incastri nelle ordinate 2 e 3, l’ordinata n°3 è divisa in due ed il supporto in betulla sarà ospitato dalla parte inferiore dell’ordinata, che per l’occasione sarà in betulla da 5mm, mentre la metà superiore sarà in pioppo da 3mm.
Mentre l’ordinata n° 2 sarà in cp.betulla da 3mm e nella parte inferiore dove troverà alloggio il supporto carrello sarà affiancata da una porzione di ordinata da 3mm di cp. betulla.
Inoltre nella parte superiore verranno disegnate due longherine di congiungimento tra le due ordinate, in modo da creare una nervatura sul supporto carrello.

Il supporto sarà inclinato in avanti per un migliore approccio alla pista in fase di atterraggio.

Iniziato il disegno dell’ala, per il momento sono pronte le centine ma sono da perfezionare, anche il grigliato dell’ala è a buon punto, il disegno della fusoliera stà andando avanti e adesso è stata aggiunta l’ala, dall’immagine subito sotto potete avere già un’idea del modello, naturalmente l’ala deve essere ancora finita.

Iniziato il disegno e progetto delle ali, piano quota e direzionale.
Dopo aver creato le dovute centine e il disegno con grigliato per il posizionamento delle centine, ho aggiornato il disegno generale, dalle immagini qui sotto si possono notare gli avanzamenti dei lavori.
Le modifiche apportate riguardano il braccio di leva post. aumentato per avere un movimento più morbido e meno reattivo, questo quando viene usato il comando a cabrare/picchiare.
L’ala presenta la stessa pianta dell’Extra 300 e così anche il piano di quota che adesso è profilato, anche il direzionale non è a tavoletta come l versione 230, ma profilato come il 300.
Del 230 mantiene la posizione ala sulla mezzeria e tutto il muso ant. oltre che al posizionamento della cabina pilota e dimensioni abitacolo più piccole.
L’ala è calettata a + 0,5.
Alcuni mettono tutta l’ala a 0°, ma poi dovranno per forza di cose volare con un pelo di cabra, visto che i profili simmetrici non hanno calettatura propria.
Mentre per il motore, sarà calettato a 0° per quanto riguarda la trazione a cabrare/picchiare e di 1,5° a destra per diminuire l’effetto giroscopico dell’elica.

Il progetto è terminato ed adesso è disponibile lo Short-Kit dell’Extra 230M, questi sono tutti i pezzi che compongono lo Short-Kit del modello.

Per il montaggio del modello è necessario questo disegno fornito in formato elettronico PDF.
Questo modello, sarà sicuramente il prossimo aereo che userò personalmente, dopo aver terminato lo Stearman PT-17.

Subito sotto potete scaricare il disegno in PDF, utile solo per l’assemblaggio del modello.

EXTRA DISEGNO FUSOLIERA.230M ALA

EXTRA DISEGNO FUSOLIERA.230M VISTA DA SOPRA

EXTRA DISEGNO FUSOLIERA.230M VISTA DI FIANCO 1

Info su Daniele

Salve, pratico l'aeromodellismo dal 1988, dopo aver appreso il pilotaggio rc. con motoalianti, mi sono dedicato ai modelli, prima da acrobazia e poi da riproduzione. Il mio interesse e curiosità verso la progettazione degli aeromodelli, mi spinge a dedicarmi alla realizzazione di riproduzioni in scala progettandoli in proprio. Ancora oggi, dopo molte realizzazioni, continuo a progettarli, realizzarli, collaudarli e metterli a punto con grande piacere e divertimento. Per qualsiasi domanda, non avete che da contattarmi. Ciao. Daniele.
Questa voce è stata pubblicata in Disegni e Short- Kit e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *