IN OCCASIONE DELL’80° ANNIVERSARIO DELLA TRASVOLATA ATLANTICA, AD ORBETELLO SI SONO ESIBITE LE “FRECCE TRICOLORI”

Come già annunciato nell’articolo intitolato all’80° anniversario della trasvolata Atlantica, Domenica 19 Maggio, nel cielo della Laguna Orbetellana si sono esibite le “Frecce Tricolori”.
Già nella giornata precedente, ci sono state le prove generali e Domenica lo spettacolo è iniziato, inizialmente abbiamo avuto il piacere di vedere le esibizioni di alcuni aerei ad elica, tra cui un AT-6 Texan, successivamente le splendide esibizioni acrobatiche di un Alenia C-27J Spartan, esibizioni veramente eccezionali se si pensa che è un bimotore ed a compiuto senza fatica looping e tonneaux! Abbiamo osservato anche le esibizioni di un Alenia AMX, veramente agile e performante, infine, il poderoso volo di un Panavia Tornado ha ammutolito tutti i presenti, il tuono della coppia di turbogetti e la geometria variabile delle ali hanno reso questo velivolo molto affascinante.
Il numerosissimo pubblico, distribuito lungo la spiaggia di Giannella e lungo la spiaggia che da Albinia giunge fino a Talamone, costeggiando i tantissimi campeggi, i quali per l’occasione hanno messo a disposizione i capienti parcheggi auto ed i loro ristoranti, per ospitare le numerosissime persone arrivate da lontano, ha potuto godersi oltre alla magnifica giornata di sole, le evoluzioni compiute dagli aerei in tutta tranquillità e comodità.
Alla manifestazione erano presenti autorità dello stato e militari, inoltre, presso il palazzo dei convegni ad Orbetello è stata allestita una mostra con manifesti dell’epoca e moltissime pubblicazioni Italiane e straniere a descrizione delle trasvolate Atlantiche.
Naturalmente, al centro della manifestazione sono state loro, ” le Frecce Tricolori”.
Alle 17.00 in punto, si sono presentate con la loro classica scia di fumogeni ” Tricolore “.
Successivamente hanno iniziato le loro esibizioni, disegnando nel cielo tutte le figure del repertorio che, anche se conosciuto è sempre molto emozionante.
In questo articolo, vi mostreremo alcune immagini per rendere partecipi tutti quelli che non hanno potuto essere presenti e vogliamo ringraziare la P.A.N. e tutti i collaboratori che hanno reso possibile questa stupenda giornata.

Esibizione dell’Alenia C-27J Spartan:


Notevole esibizione e grande agilità di un aereo da trasporto come l’Alenia C-27J Spartan, questo velivolo è utilizzato come aereo da trasporto per medio e breve raggio, motorizzato con due Allison AE 2100D2, equipaggiato con due esapala con profilo a scimitarra in materiale composito. Completamente pressurizzato è predisposto per il rifornimento in volo, questo velivolo ha seguito la filosofia costruttiva del C.130, aereo ampio e con avionica di ultima generazione. L’Alenia, assieme alla Lockeed Martin, per la costruzione di questo aereo hanno utilizzato la vecchia cellula del G-222.
La motorizzazione si è dimostrata da subito molto esuberante, sono state eseguite delle prove di decollo con pista preparata inferiore a 500 mt. con velivolo a pieno carico e con un motore solo!
Il 98° gruppo della 46° Aerobrigata di Pisa, ha ricevuto il primo aereo l’11 Gennaio del 2007 e progressivamente è stata radiata la linea degli G-222.
L’equipaggio base è costituito da due piloti ed in funzione del tipo di missione sono previsti un direttore di carico ed un direttore di lancio, possono essere trasportati fino a 46 paracadutisti in assetto di combattimento.

Volo del Panavia 200 Tornado:


Il Panavia 200 Tornado è caccia multiruolo con ala a geometria variabile, spinto da due turbofan Turbo Union RB199MK-103 con 7300 Kg. di spinta.
Questo aereo è stato progettato e costruito dal consorzio europeo Panavia, la caratteristica principale di questo aereo è la navigazione a bassa quota seguendo il profilo del terreno, entrato in servizio presso l’aeronautica militare Italiana nel 1982, ha sostituito gli F-104 della linea caccia-bombardieri e ricognitori.
Nel 1991, l’A.M.I. ha partecipato alla Guerra del golfo con 10 Tornado, perdendone uno, pilotato dal Magg. pilota G.Bellini e dal Cap. nav. catturati entrambi dalle forze Irachene e liberati al termine della guerra.

Alenia AMX:


Cacciabombardiere ad ala media monomotore Rolls-Royce Fiat Avio RB 68-807 Spey.

Sikorsky SH 3D/TS :

Elicottero pesante ogni tempo, equipaggiato con due turbine General Electric T58-GE-10.
Versione sotto equipaggiata del Sea King antisommergibile, l’A.M.I. ne ha acquistati due esemplari, entrato in linea nel 1975 è stato assegnato al 93° gruppo del 31° stormo, che si è ricostituito a Ciampino il 6 Ottobre del 1976.
L’equipaggio è costituito da due piloti, due specialisti e un assistente di volo, in cabina possono essere alloggiati 10 passeggeri.

Aermacchi MB 339 P.A.N. :

Foto di Federico Baldi.

Foto di Federico Baldi.

Posto di pilotaggio di un MB 339

L’MB 339 è un velivolo da addestramento ad ala bassa, propulso da un turbogetto Rolls Royce Viper Mk 632-43. L’Aermacchi nel 1972 decise di rinnovare il suo addestratore di punta, MB 326 e l’AM.I. voleva sostituire anche il Fiat G 91 T, invece di riprogettare in toto l’aereo, l’ufficio progettazioni dell’Aermacchi decise di rivisitare il vecchio progetto dell’MB 326 modificandolo e rimodernandolo, fu rivista la parte anteriore in modo che si potessero posizionare i posti di pilotaggio scalati, in modo da dare all’istruttore( nel posto posteriore) migliore visibilità, aumentarono la superficie di deriva per migliorare la direzionalità e furono aggiunte anche due pinne nella zona ventrale sotto il piano di quota, anche l’ala fu rivista adottando un diverso profilo, nuova avionica al passo con i tempi, concluse la riprogettazione.
Il velivolo fu operativo già alla fine degli anni settanta e nonostante l’agguerrita concorrenza, ottenne un ottimo successo in esportazione, ricalcando il successo del suo predecessore.
Per le sue qualità acrobatiche e maneggevolezza, fu scelto dalla Pattuglia Acrobatica Nazionale in sostituzione al Fiat G 91.

Info su Daniele

Salve, pratico l'aeromodellismo dal 1988, dopo aver appreso il pilotaggio rc. con motoalianti, mi sono dedicato ai modelli, prima da acrobazia e poi da riproduzione. Il mio interesse e curiosità verso la progettazione degli aeromodelli, mi spinge a dedicarmi alla realizzazione di riproduzioni in scala progettandoli in proprio. Ancora oggi, dopo molte realizzazioni, continuo a progettarli, realizzarli, collaudarli e metterli a punto con grande piacere e divertimento. Per qualsiasi domanda, non avete che da contattarmi. Ciao. Daniele.
Questa voce è stata pubblicata in aerofilatelica, Storia e Aerofilatelica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a IN OCCASIONE DELL’80° ANNIVERSARIO DELLA TRASVOLATA ATLANTICA, AD ORBETELLO SI SONO ESIBITE LE “FRECCE TRICOLORI”

  1. sergior scrive:

    sempre “al pezzo”……ottimo servizio Daniele e non poteva essere altrimenti. Stupendi i clik dell’amico fotografo che ha saputo imprimere i giusti “fermo immagine” alle esibizioni dei piloti.

  2. admin scrive:

    Ciao Sergio, come stai…
    anche la mostra allestita dall’A.M. e dall’associazione aerofilatelica è da vedere.
    Adesso stiamo valutando se è possibile e conveniente stampare una specie di ” piccolo libro”, solo a fogli spillati dell’articolo ( 10 o 15 pagine) ” Sotto di noi l’Oceano” completo di foto, potrebbe essere un interessante sintesi delle trasvolate Atlantiche che i visitatori della mostra potrebbero acquistare a un euro o due, quel tanto per ricoprire le spese di stampa. Sarebbe poco impegnativo da leggere e così avere l’occasione di conoscere la storia dei trasvolatori, senza stare a digerirsi un mattone da 400 pagine.
    Naturalmente è l’associazione Aerofilatelica che se ne occuperà, io glielo cedo gratuitamente.
    Questo perché la mostra è stata organizzata abbastanza bene e molto elegantemente, inoltre l’A.M. ha deciso di mantenerla fino ad Agosto e quindi il comune volente o nolente ha dovuto lasciargli le ” chiavi” fino a tale data, inoltre hanno organizzato molte viste con arrivi in pulman associando anche la visita ad Orbetello e dintorni. Insomma organizzata non male questa mostra, io ci sono stato una volta e di gente ne ho vista molta. Inoltre mi hanno anche chiesto di portare il Macchi 202 Folgore… adesso vedrò.
    Accanto al CR42 ho messo un cartello con le caratteristiche tecniche e anche il nome del sito: RCAeroModellismo, almeno avremo un po di …pubblicità!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *