ARTICOLO 6A.1.10.5 REGOLAMENTO F.A.I.

Ci stiamo adoperando per cercare di fare la massima chiarezza sull’episodio accaduto al recente Mondiale di F4 svoltosi in Francia.
La motivazione di questo episodio, ricade nell’articolo 6A.1.10.5 preso in esame dai giudici.
Leggendo attentamente questo articolo e anche il riferimento all’articolo 6.1.9.4. non riusciamo a trovare nessuno appiglio certo per giustificare l’atteggiamento tenuto dai giudici.
Seguendo le istruzioni dell’articolo citato, non pare che non si possa fare uso di tecnologie sofisticate, anche se l’uso di attrezzature a controllo numerico, oggi, rientrano nelle comuni attrezzature in dotazione dei modellisti più esigenti.
Comunque, non troviamo in questo articolo una giustificazione all’atteggiamento dei giudici, probabilmente hanno peccato di eccessivo zelo!
E’ importante conoscere bene il contenuto del regolamento, in modo che i concorrenti possono presentarsi serenamente e in modo regolare alla gara.
L’unica nota da prendere in considerazione, riguarda le migliorie effettuate sul modello e comunque per la possibilità di usufruire di punti aggiuntivi, il regolamento recita; “I dettagli che comportano una ingegnosità particolare potranno essere
adeguatamente ricompensati sotto questa voce.Nel considerare i due aspetti precedenti, i Giudici dovranno consultare la dichiarazione del Concorrente e accertarsi circa tutti quei componenti eventualmente non realizzati dal Concorrente stesso” e ancora; “I Giudici dovrebbero prendere in considerazione la complessità globale del progetto assegnando i punteggi più alti a quei modelli più complessi e difficoltosi da realizzare”
Quindi dobbiamo pensare che l’unico appiglio al quale si sono impuntati i giudici, sia solo ed esclusivamente la malafede del concorrente Russo.
Possiamo solo giungere alla conclusione che sia stata contestata la dichiarazione del concorrente, il quale ha fornito un documento come richiesto dal regolamento e nel quale il concorrente ha dichiarato di aver eseguito lui i lavori sul modello.
Questo è un fatto molto grave e, non rientra nelle competenze dei giudici dubitare delle dichiarazioni del concorrente, in questo modo si sono messi in una situazione molto difficile e spiacevole, dando, da quello che si può capire dal regolamento, del ” bugiardo” ad un concorrente senza prove certe!
Senza dubbio i giudici sono andati oltre lo zelo e le loro competenze, mettendo in dubbio l’integrità morale del concorrente.
Non stiamo certo qui per parteggiare ad oltranza per il concorrente Russo, cerchiamo solo di fare chiarezza, in modo che qualsiasi concorrente, che avrebbe potuto incorrere in un “disguido” simile, non abbia in futuro da trovarsi nella stessa situazione.

Qui sotto il passo interessato :

6A.1.10.5. Abilità di realizzazione
Questa sezione tratta della competenza tecnica,l’ ingegnosità, la finezza generale e la complessità inerente la costruzione del modello.
Qualità della costruzione:
Il modello dovrà essere analizzato per la qualità della costruzione, ponendo particolare attenzione ai bordi
netti e affilati, soprattutto dei bordi d’uscita delle ali e dei piani di coda; ai corretti spazi a livello delle incernierature delle parti mobili; particolare osservazione inoltre nei punti di montaggio-smontaggio del modello o in corrispondenza di sportelli operativi necessari al funzionamento, dove potrebbero essere stati
utilizzati meccanismi eventualmente non in scala.Non dovrebbero essere visibili dispositive non in scala, come ad esempio interruttori, spilli del carburatore, silenziatori, squadrette di commando, ecc.
Complessità e difficolta della costruzione.
I Giudici dovrebbero prendere in considerazione la complessità globale del progetto assegnando I punteggi più alti a quei modelli più complessi e difficoltosi da realizzare.Judges should consider the overall complexity of the design awarding higher marks for more intricate shapes and structure. I dettagli che comportano una ingegnosità particolare potranno essere adeguatamente ricompensati sotto questa voce.Nel considerare i due aspetti precedenti, i Giudici dovranno
consultare la dichiarazione del Concorrente e accertarsi circa tutti quei componenti eventualmente non realizzati dal Concorrente stesso (see 6.1.9.4e) e aggiustare di conseguenza la votazione finale. I punti che verranno assegnati dovranno, ancora una volta, riflettere il livello della documentazione presentata

6.1.9.4.

6.1.9.4.Si riporta di seguito la documentazione minima che deve essere presentata ai Giudici per la valutazione statica.
(Vedi Annesso A – 6A.1.9.per le raccomandazioni circa la presentazione della documentazione):
a) Evidenza fotografica:
Sono richieste almeno tre fotografie o riproduzioni a stampa del prototipo di cui almeno una immagine del “soggetto” riprodotto.Ciascuna di queste foto o riproduzioni a stampa devono mostrare l’aereo intero, possibilmente da diverse angolazioni. Queste foto principali devono essere presentate in tre esemplari, le
foto 2 e3 anche in fotocopia.L’evidenza fotografica rappresenta il criterio primario per la valutazione della fedeltà di scala del modello rispetto al prototipo.
b)Disegni in scala (trittico):
Un preciso disegno in scala del prototipo che mostri almeno le tre viste, laterale, di fronte, in pianta. Questi disegni devono essere riprodotti in una scala tale da dare una apertura alare da un minimo di 250 mm a un massimo di 500 mm o, se la fusoliera è più lunga dell’apertura alare, le suddette misure dovranno riferirsi
alla fusoliera. I disegni del trittico devono essere presentati in tre copie.Trittici non pubblicati eseguiti dal concorrente o altro disegnatore non possono essere accettati a meno che non ne venga prima certificata l’accuratezza da una fonte idonea come il Comitato Nazionale Riproduzioni o equivalente, il Costruttore del prototipo o altra autorità competente.
c) Prova dei Colori:
La correttezza dei colori può essere stabilita a partire da foto a colori,da descrizioni pubblicate se
accompagnate da campioni di colore certificati da una autorità competente, da campioni di colore originali o da disegni a colori da fonti pubblicate, ad esempio pubblicazioni tipo “Profile”.
d)Velocità dell’aereo:
Nella documentazione deve essere specificata la velocità di crociera del prototipo e riportata in ciascuna scheda di volo prima che il volo abbia inizio.Nel caso di aerei antichi di cui è disponibile solo la velocità massima, solo questa velocità verrà riportata nella documentazione. Il concorrente, se richiesto, dovrà dare
giustificazione di tale informazione.e) Dichiarazione del Concorrente:
Il concorrente deve allegare alla propria documentazione una dichiarazione in cui afferma di essere il costruttore dell’aeromodello presentato, elencando tutte le parti del modello che non sono state realizzate da lui stesso. Se sono stati usati elementi prefabbricati e modificati, è responsabilità del concorrente fornire le
prove delle modifiche e del fatto di averle realizzate lui stesso.Il concorrente dovrà anche compilare e firmare la dichiarazione obbligatoria (vedi annesso 6E) che conferma quanto sopra e altri aspetti. Se scoperto in violazione rispetto alla suddetta dichiarazione, il concorrente può essere squalificato dalla competizione.

Info su Daniele

Salve, pratico l'aeromodellismo dal 1988, dopo aver appreso il pilotaggio rc. con motoalianti, mi sono dedicato ai modelli, prima da acrobazia e poi da riproduzione. Il mio interesse e curiosità verso la progettazione degli aeromodelli, mi spinge a dedicarmi alla realizzazione di riproduzioni in scala progettandoli in proprio. Ancora oggi, dopo molte realizzazioni, continuo a progettarli, realizzarli, collaudarli e metterli a punto con grande piacere e divertimento. Per qualsiasi domanda, non avete che da contattarmi. Ciao. Daniele.
Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *