Build-log Spacewalker scala 1/3

In questo articolo seguiamo la costruzione della riproduzione in scala 1/3 dell’aereo Spacewalker.Voglio informare che il seguente modello viene anche venduto in kit di montaggio e prodotto dalla ditta americana SIG AIRPLANE MODEL, ma visto che sono un tipo che ama realizzare i propri modelli da un disegno ed adattarli alle proprie esigenze, grazie anche ad un negoziante di fiducia X3MODEL di Massa-Carrara, il quale mi ha fornito le tavole costruttive, mi sono cimentato in questa realizzazione.Il progetto è composto da ben sei tavole, molto ben dettagliate, (una tavola è dedicata anche allo schema per la verniciatura), in ogni piccolo particolare, in alcuni casi anche troppi, che ci guideranno nella costruzione.L’unico intoppo, se cosi’ si puo’ chiamare, sono le misure e gli spessori in pollici, ma moltiplicandoli per il valore di 2,54 ricaveremo le misure in centimetri.Vi mostro fino al punto dove mi sono fermato, in quanto è un modello che realizzo a scappa tempo tra un modello e l’altro.Gli incollaggi dove non specificati sono stati eseguiti con collante alifatico

Io personalmente ho iniziato con la costruzione delle fusoliera, che essendo di notevoli dimensioni, quasi 2 mt. di lunghezza, viene costruita in due tronconi che verranno poi uniti insieme incollandoli con colla bicomponente epossidica UHU Plus, che è caratterizzata da forte tenuta ed adatta per incollaggi strutturali.La fusoliera come vedrete dalle foto allegate è costruita con la classica struttura a traliccio e rinforzata nelle zone di maggior sforzo da pezzi in compensato da mm. 3 e balsa da mm. 6.

Parte anteriore della fusoliera in listelli di perimetro in balsa 6×6 e pezzi di rinforzo in tavolette di balsa  mm. 6.Ne andranno fatte due metà.

Vista frontale.

Questo è il secondo troncone della fusoliera costruito con lo stesso metodo del primo, si nota un fac simile di scaletto artigianale per tenere il tutto in posizione corretta.

Vista d’insieme dei due tronconi di fusoliera messi in colla con UHU plus.

Altra vista della fusoliera incollata.

Ho provveduto a tagliare ed incollare le semi ordinate della parte superiore della fusoliera in compensato di pioppo da mm. 3.Ho collegato le prime tre semiordinate con listelli di balsa 6×6, incollato il tappo in compensato di pioppo mm. 3, fino all’ordinata di fine abitacolo, che successivamente andrò a tagliare a filo dei listelli di perimetro della fusoliera per agevolare l’inserimento di un pilota fullbody.Il disegno prevede un pilota a mezzo busto, ma per una riproduzione come questa è meglio riprodurre abitacolo e pilota come nella realtà.

Vista frontale, in primo piano si nota l’ordinata parafiamma composta da uno strato di betulla da mm. 3 ed uno strato di betulla da mm. 5 incollate a sandwich con UHU Plus.é necessaria una parafiamma consistente in quanto il modello è previsto per una installazione di un motore bicilindrico o addirittura un quattro cilindri, anche se io personalmente per necessità ho optato per una motorizzazione elettrica. Si vede anche il manuale di montaggio cortesemente fornitomi da X3MODEL, utilissimo per chiarire anche ulteriori dubbi, questo manuale è compreso nella scatola del kit di montaggio.

Altra vista della fusoliera dove si nota la struttura superiore della parte posteriore della fusoliera in listelli di balsa.

Dopo aver tagliato l’alloggio per l’inserimento del pilota, ho rivestito la parte superiore anteriore della fusoliera in balsa da mm. 2.Ad essiccamento avvenuto, utilizzando la dima fornita dal disegno ho ritagliato il vano dell’abitacolo.Sempre utilizzando una ulteriore dima ho realizzato il parabrezza in pet che ho avvitato con delle vitine autofilettanti mm. 2 ai listelli sottostanti al rivestimento, ultieriormente rinforzati nella parte inferiore con dei listellini in tiglio per facilitare la presa delle viti.Si notano anche i piani di coda realizzati in listelli di balsa da 10 mm. ed il raccordo con la fusoliera realizzato da un blocco di balsa sagomato in opera con carta vetro.Sul fianco della fusoliera si nota un listello di balsa incollato di costola, questo avrà la funzione di dare al rivestimento la forma uguale all’originale.

Piani di quota realizzati in listelli di balsa da mm. 10 e relativo raccordo con la fusoliera.

Ho iniziato la realizzazione dello schienale del sedile, sagomando su una base di compensto di pioppo da mm. 3 l’imbottitura con dei listelli in depron da mm. 6 e arrotondato con carta vetro fine.Il pilota stara’ seduto sull’ala, dove dovro’ praticare due fori per i piedi, e sarà fissato allo schienale con le cinture a velcro.

Il sedile è stato rivestito con pelle vera bicolore e cucita a mano lungo l’imbottitura, lavoro abbastanza lungo e noioso ma il risultato direi che è soddisfacente.Si nota la naca motore in fibra, acquistata come ricambio del kit di montaggio.

Terminato per adesso la fusoliera. passiamo alla realizzazione delle ali.Queste sono composte da tre parti, una fissa, avvitata alla fusoliera, dove sarà alloggiato il carrello e due semiali con innesto a doppia baionetta alla parte fissa.Le ali verranno realizzate in questo modo:Andrà costruita una semiala unita e spessorata alla metà della parte fissa, in modo da creare il giusto inserimento delle baionette, che poi verrà separata mediantel’uso di una lama.Sarà più chiaro con le foto.

Vista d’insieme della semiala sinistra, con il longherone principale superiore ed inferiore, realizzati entrambe con vari sandwich di compensato di pioppo da mm. 3, a scalare per creare gli incastri delle centine, le centine in compensato di pioppo da mm. 3, i vari longheroncini secondari in balsa da mm. 6, l’alettone da tagliare ad ala terminata e le baionette in posizione.

Per essere tagliato tutto a mano con traforo manuale sembra che sfili tutto alla perfezione.

In questa foto si notano meglio le baionette alari in posizione con i propri cassonetti realizzati in compensato marino da mm. 4, incollati ed ulteriormente inbullonati con viti m3 e relativo dado autobloccante nelle parte posteriore.Per le baionette, vista la non reperibilità dei sistemi indicati nel progetto e disponibili nel kit, ho usato un quadrotto di alluminio 10×20 messo di taglio, sia per la baionetta anteriore che quella posteriore.La baionetta è assicurata all’ala su di una base in compensato marino da mm. 4 ed imbullonata ada essa con 3 viti m3 e relativi dadi autobloccanti sul retro.Si notano anche le due centine, tenute insieme da spessori in balsa da mm. 2, incollati con una goccia di ciano, dove verrà separata la parte di ala fissa da quella mobile.Ho rinforzato i due longheroni principali con controventature in compensato di pioppo da mm. 3 tra le centine.

Separate le semi parte fisse dalle semiali le ho incollate tra di loro con il giusto diedro fornito dal disegno, ho ricopero poi il bordo di entrata superiore ed inferiore con balsa da mm. 2, sopra le centine ho realizzato dei fazzoletti sempre in balsa da mm. 2 per appoggio del rivestimento in oratex, questo sia per la parte fissa che per le semiali. Si notano in foto le scatole della parte fissa dove si innesteranno le baionette alari.

In questa foto si vede il carrello che è stato realizzato acquistando le parti dello stesso come ricambio del kit originale.Il carrello è realizzato in tondini di acciaio armonico diam. mm. 5 che ho saldato tra di loro a stagno previa legatura degli stessi nel punto di saldatura con filo di rame.Nelle parti leterali ho incollato dei fazzoletti di balsa da mm. 5 che poi andro’ a rivestire con compensato di betulla da mm. 2 incollati con UHU Plus per le quattro faccie del carrello.Ho assicurato il carrello all’ala con 8 viti autofilettanti m3 alle scanalature predisposte nella parte inferiore dell’ala.Si nota l’Accoppiamento perfetto dell’ala fissa alla fusoliera.

Rinforzi in compensato di betulla da mm. 2 sulle quattro faccie del carrello incollati.Il lavoro sul carrello è terminato e pronto per essere rivestito in Oratex

Assemblaggio di prova del modello con alcune parti già rivestite in oratex bianco.Si notano le dimensioni del modello.

Vista posteriore.

Pannello strumenti, che rifarò ex novo in quanto non mi soddisfa.é fissato con tre vitine autofilettanti e dietro di esso troveranno l’alloggio le batterie per l’alimentazione dell’elettronica di bordo, si nota l’ampio spazio dove troveranno il posto le batterie per il motore (6s+6s) al posto del serbatoio previsto per la motorizzazione a scoppio.

Ecco il cruscotto ex novo realizzato seguendo i consigli di Daniele, ovvero stampando direttamente le scritte e gli strumenti, inserendoli negli appositi alloggi ed applicando un vetrino in acetato sopra di essi.Un gioco da ragazzi……..

Rivestimento in oratex  della fusoliera ultimato adesso prima della verniciatura restano da applicare le strip per simulare la giunzioni della tela.

insieme

Questo è il modello alla prima uscita al campo, in statica, in quanto ancora privo del motore.

Mi sono fermato a questo step in quanto il modello è stato venduto ad un amico modellista.

 

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Aeromodellismo, Build log, Varie. Contrassegna il permalink.

24 risposte a Build-log Spacewalker scala 1/3

  1. admin scrive:

    Lavoro veramente notevole!
    La struttura a traliccio ha sempre il suo fascino, per il cruscotto, non mi sembra male, io sul pannello dove sono fissati gli strumeti ci passerei del mordente color mogano, per far risaltare il tutto.

  2. lucio scrive:

    Lavoro eccezionale! Caro Filippo, rimango semplicemente a bocca aperta! La struttura tradizionale in balsa (che io adoro!) sviluppata fino a livelli stratosferici! Se penso all’aereo che sto costruendo e dopo vedo questo e i tuoi altri lavori, mi rendo conto che … ho tanta di quella polenta da mangiare, ho tanta strada da fare! Non mi resta che lavorare sodo e … ammirare i vostri aerei!
    Ciao

    • filippo scrive:

      grazie lucio, non è poi così difficile, basta tanta pazienza passione, se pensi che io è da quattro anni che costruisco, ed ho iniziato anche io da zero chiedendo e guardando i lavori dei modellisti più esperti e tutt’ora lo faccio per imparare sempre di più.

  3. Mario scrive:

    Ciao ragazzi sono Mario e non prosperare altro che complimentarmi per il notevole lavoro che è stato esguito. È un aereo stratosferiche sto provando a realizzarlo anche io in compagnia di altri 2/3 appassionati. Ho notevole difficoltà ad individuare il legno/balsa da acquistare la quantità e dove, potete aiutarmi abito nei pressi di Massa Carrara ciao e complimenti

  4. filippo scrive:

    Ciao negozio new frontiers zona tribunale massa carrara, rc planet viareggio o nuova massa legnami massa carrara.un saluto Filippo

    • Mario scrive:

      Filippo ma sei della zona? Perché credo di sapere a chi lo hai venduto credo di andare a nuova massa legnami ho problemi per sapere le quantità e tipologie di materiale che devo prendere ora ho fatto le vetrine del del profilo alare ed ho fatto il primo traliccio posteriore della fusoliera, inoltre ho visto che lo volevi motorizzate elettrico cosa pensavi di metterci su in quanto i costi potrebbero essere anche superiori se si opta ad una motorizzazione a scoppio

  5. filippo scrive:

    Abito al cinquale

  6. filippo scrive:

    Avevo optato per elettrico primo per comodità e poi una questione economica, molto piu’ conveniente dello scoppio

    • Mario scrive:

      Si ma che motore regolatore e batterie ci metteresti perché anche io sono un fervido convinto dell’elettrico solo che paragonando con prezzi addirittura di hobby Kung avrei comunque dovuto spenderci 350 euro minimo quindi opterei per un bicilindrico 2t gentilmente offerto da Nicola che conosci.
      Quindi tu conosci Ilio hai fatto insieme a lui l’MB339 lui mi conosce molto bene sono un suo collega di lavoro.

  7. Mario scrive:

    L’Ho invitato molte volte a venire al campo, si volo a Partinico dove si è iscritto pure Andrea il vostro amico che si occupa di multirotori. Io in quel campo sono presidente, quindi sarebbe un immenso piacere conoscerti.

  8. Mario scrive:

    No Partinico ma Ortonovo scusami

  9. filippo scrive:

    Volentieri ci organiziamo e veniamo un sabato, magari sento anche andrea

  10. Antonio scrive:

    Ciao.ho iniziato la costruzione del kit della Sig.In casa ho un bicilindrico a benzina DLA 64.pensi che possa andare bene?Se avro’ problemi nel montaggio posso chiederti aiuto?Ciao,Antonio.

  11. Filippo Celi scrive:

    ciao antonio, come cilindrata va bene, infatti il kit parla di motori da 50cc in su.guarda bene il disegno per fare l’ordinata motore, se non ricordo male ci sono tre opzioni, per motore os, supertigre e yamada, fai quella che piu’ si avvicina al tuo motore onde evitare di usare spessori.Per quasiasi cosa sono qua.
    Filippo

  12. Francesco scrive:

    Buongiorno Antonio e Filippo, vorrei costruire lo spacewalker ( da poco ho terminato un piper j3 cin scala 1/3 ) mi potete fornire i disegni? Ovviamente a pagamento. Se non è un problema invitatemi un nr di cell in modo da sentirci telefonicamente. Grazie anticipatamente Francesco

    • filippo scrive:

      ciao francesco, i disegni fanno parte del kit della sig, a me li ha forniti cartacei il negoziante come favore
      saluti
      Filippo

  13. Francesco scrive:

    Ciao Filippo, ma non riesci a farmi una copia?

Rispondi a lucio Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *