BOEING STEARMAN PT-17 BUILD-LOG by GIANNI da Short-Kit RCAeroModellismo.

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Da appassionato aeromodellista e costruttore, da oltre trent’anni ho praticato il modellismo in quasi tutte le sue forme radiocomandate, auto,barche ed ora aerei, ero alla ricerca di un modello che potesse permettermi di mettere in bella vista il mio splendido motore stellare, un ASP FS 400 AR cinque cilindri radiale 4 tempi. Un motore splendido, con un rumore, meglio con un ruggito che esce dalla sua marmitta anulare, capace di far smuovere le viscere e provocare emozioni intense a chiunque lo senta!! Bene, questo motore fino ad ora era parcheggiato… sic!! su di un Bucker Jungmeister realizzato a partire da un disegno di una celebre firma americana in campo modellistico: nonostante la costruzione attenta e la ricerca della leggerezza, ne era venuto fuori una specie di mattone volante dal peso spropositato: l’aereo ha fatto un paio di voli ma poi è rimasto chiuso in garage perchè non mi trasmetteva quel senso di sicurezza e padronanza che un buon modello dovrebbe dare. E così, girando per il Web, sempre alla ricerca di un biplano, ce ne sono tanti, ma non volendo modelli ARF o disegni costruttivi made in USA che utilizzano metodi costruttivi antiquati con blocchi di balsa, mi sono imbattuto in questo blog ed ho contattato Daniele, il webmaster, che con enorme cortesia mi ha dato tante spiegazioni e consigli. Alla fine ho trovato quello che cercavo: uno splendido Boeing PT 17 Stearman coi suoi bravi disegni e un build log davvero ben realizzato. Via con l’ordine al bravo Paolo Frequenti di Easycnc , che già conoscevo e che mi aveva fornito materiale per altri aerei, per il taglio dello short-kit. Nel frattempo via in copisteria a stampare i tre disegni che sono sul blog e contatti con Daniele per ulteriori informazioni e pareri sulla costruzione. Adesso è iniziato l’assemblaggio, dapprima a secco per provare i vari accoppiamenti e poi via di colla. Ho ritenuto opportuno rinforzare l’ordinata parafiamma che di certo non avrebbe sopportato il peso del motore ben 3 kg ed inoltre ho cercato di distribuire il peso del motore stesso e del carrello di atterraggio che poggia su due longherine di betulla da 3 mm longitudinali poggiate tra le ordinate n° 2 e 3, su tutta la struttura della fuso con multistrato da 6 mm e balsa. La parafiamma è stata rinforzata con multistrato da 6 mm e compensato di betulla da 3mm; ho costruito poi, una specie di cassetto tra le ordinate 1 e 2 sempre in multistrato e le fasce di collegamento tra queste due rivestite con betulla da 1,5. Logicamente il tutto ben aderente alle ordinate preesistenti; poi le ordinate 1,2,3 saranno collegate tra loro con angolari di alluminio, viti e dadi. Adesso ho incollato i primi listelli longitudinali sulla fuso per tenerla dritta e poter procedere con l’incollaggio degli altri. Per i listelli ho optato per il legno di tiglio invece che per il pino sia perchè di robustezza uguale sia per il risparmio di peso visto che quello che ho aggiunto nei rinforzi anteriori devo recuperarlo da qualche parte.
A presto con ulteriori foto e fasi costruttive.
Gianni

banner1
Il nostro amico Gianni, dopo aver acquistato lo Short-Kit RCAeroModellismo dello Stearman PT-17, ci mostra adesso il Build-Log, quindi avremo a breve tutti i passi costruttivi di questo modello, nel frattempo ci ha inviato alcune foto dell’inizio lavori sulla fusoliera.

WP_20151123_21_09_49_Pro
Nella parte anteriore della fusoliera si nota il supporto carrello con le due piastre in betulla inclinate per la giusta collocazione dei carrelli.

WP_20151123_21_10_14_Pro
Ancora una vista del supporto carrello.

WP_20151123_21_23_14_Pro
Parte delle ordinate già assemblate.

WP_20151123_21_23_31_Pro
Altra vista della zona supporti carrelli.

WP_20151123_21_24_54_Pro
Per l’assemblaggio della fusoliera, come del resto di tutto il modello, basta seguire tutti gli incastri e ovviamente il disegno.

WP_20151125_11_46_29_Pro
Tra l’ordinata parafiamma e la seconda è stato predisposto un rinforzo, questo perché questo modello verrà equipaggiato con un motore radiale ASP FS-400

72P-FS400AR-3
400R-cutout
l18809a
l18809b
Motore ASP FS-400 che andrà ad equipaggiare lo Stearman PT-17

RCAeroModellismo ha anche realizzato il progetto dei carrelli originali dello Stearman ed abbiamo fornito il disegno ad un nostro collaboratore il quale li sta realizzando artigianalmente e perfettamente in scala con un notevole risparmio rispetto a quelli che si trovano in commercio tipo Robart i quali hanno un prezzo di circa 300 dollari più le spese di spedizione dagli USA e dogana. Qui sotto potete vedere parte del progetto dei nostri carrelli.

carrelli 2
carrelli
Il progetto di questi carrelli è stato realizzato dal nostro collaboratore Sergio Poli, mentre il disegno è stato fornito al nostro collaboratore Massimo per la realizzazione.

Dopo la pausa natalizia e le abbuffate conseguenti, cosa c’è di meglio che riprendere gli amati lavori intorno allo Stearman? Dunque siamo arrivati alla costruzione dell’ala inferiore : piano di lavoro
ben pulito e prova di assemblaggio a secco delle centine e dei longheroni. Tutto OK salvo che le centine che dovrebbero supportare i montanti alari non sono di betulla da 3 mm ma per errore sono state realizzate di pioppo: poco male!!! Provvedo a rinforzarle con della betulla da 1 mm messa a
guanciale e tutto è sistemato… I due longheroni anteriori li ho messi di tiglio da 10x 10 anziché di noce e questo per guadagnare peso mentre i due posteriori sono di balsa da 10 x10.Queste modifiche le ho fatte consultandomi con il progettista ovviamente, che ha dato il suo benestare. Dalle foto forse
si vede meglio.

17 1

17 2

Il bordo di entrata l’ho ricavato da una tavola di balsa con spessore di 1 cm tagliandolo all’altezza del naso delle centine, 2 cm e poi una volta messo in opera andrò a rastremarlo nella sua forma definitiva. Ho ritenuto opportuno anche creare un cassonetto di resistenza dove attaccherò la
tavoletta di balsa che chiuderà le centine e sarà la base di attacco per le cerniere degli alettoni.
Ovviamente questo comporta una variazione rispetto al progetto originale di Daniele ma io penso che su un’ala di queste dimensioni un ulteriore cassonetto di resistenza in quella parte finale
contribuisca ad annullare completamente qualsiasi momento torcente si possa verificare in quella zona dove sono le superfici mobili.
Ecco qualche foto:

17 3

17 4

Il listello di uscita delle centine è una tavoletta di balsa con spessore di 1 cm ed è sormontata da altre due tavolette di spessore 2 mm incollate sulla tavoletta stessa e sulla parte finale delle centine.
Ho poi provato l’ala ancora priva degli alettoni sulla bilancia – peso incredibile di 950 g. così come
si vede in foto- e poi una prova sulla fusoliera:

17 5

17 6

A questo punto penso che completa di alettoni e terminali alari dovrei stare sicuramente intorno a
1100- 1200 g.
Intanto mi frulla in testa l’idea di fare i terminali alari in polistirene estruso!!
I lavori procedono abbastanza velocemente grazie ai pezzi tagliati al laser, ai disegni ed alla consultazione del build-log di Daniele. Ho costruito il direzionale, parte fissa e mobile come pure il piano di quota completo delle parti mobili; all’interno delle due parti mobili ho posizionato due quadrotti di multistrato da 6 mm per fissarvi i perni per le squadrette di comando. Per entrambe le parti il peso è risultato veramente minimo, dato gli alleggerimenti e il tipo di costruzione molto snello ma allo stesso tempo robusto.
Qui sotto un paio di foto delle due parti finite:

pt 20

pt 21

Il peso risulta di 245 g per il quota e 157 per il direzionale.
banner1

Da un po’ di giorni ho ripreso i lavori sullo Stearman; pausa dovuta ad impegni familiari e all’attesa che il buon amico Massimo spedisse i carreli anteriori che ha provveduto a farmi. I carrelli, come potete vedere dalle foto allegate sono torniti e ricavati dal pieno in Ergal e sono un vero capolavoro di tecnica e di “arte manifatturiera”!!

1

2

Qui li vedete con le ruote montate che sono in gomma piena e di buona fattura, reperibili da noto fornitore austriaco ad un prezzo onesto; è possibile montarle anche con cuscinetto su ambo i lati, per una maggiore scorrevolezza, ma con asse da 7 mm. Sono di diametro 152 mm quindi in scala col modello. I supporti per reggere queste gambe hanno lo spessore di 5 mm e sono della stessa lunghezza che intercorre tra la ordinata 2 e 3 del modello : quindi ho rinforzato le due ordinate suddette con compensato di betulla da 3 mm e multistrato da 6 mm ed ho inserito i supporti tra le due ordinate provvedendo a bloccarli adeguatamente in modo che non possano scorrere nelle loro sedi. Qui sotto qualche foto dei supporti inseriti in fusoliera:

3

4
In questo modo ho avuto l’esatta inclinazione dei carrelli e il loro perfetto bloccaggio.
Ritorniamo adesso alla fusoliera che ho provveduto a rivestire in balsa da 2 mm e questo per tutta la sua lunghezza in modo da avere rigidità e robustezza con minimo aggravio di peso. Infatti tutta la fusoliera con i supporti dei carrelli montati ma senza piano di quota e direzionale pesa meno di 2,6 Kg, tenendo presente che i supporti da soli pesano sui 600 g. Non male!!

5

Come si può vedere sulla coperture ho incollato dei listelli di balsa da 5mm per 1,5 di spessore pe simulare la costolatura originale del vero aereo che poi sarà ricoperto in Solartec bianco. Il piano di quota per ora è solo montato in prova. Altre foto:

6

7

8

9

Dopo molto tempo dalle mie ultime notizie sulla costruzione dello Stearman PT- 17 ritorno a scrivere sul blog dell’amico Daniele. Ne è passato di tempo dall’ultima volta…ma la costruzione non è andata avanti non perchè ci siano state difficoltà o problemi ma semplicemente perchè sono diventato… nonno!! Eh si!! Sono cose che accadono poche volte nella vita e sono emozioni indescrivibili!! Ebbene sono stato fermo fino ad oggi con il modello messo da parte in garage e che mi occhieggiava ogni volta che prendevo la macchina, quasi a dirmi: “ ma quando riprendi a lavorare??”. Purtroppo in questo lungo periodo ho avuto modo di riflettere se portare avanti la costruzione o fermarmi perchè tempo a disposizione ne ho poco o niente e sono arrivato alla conclusione che dovrò fermarmi. Eh si, il modello ha bisogno di molto tempo ancora per essere portato a termine con la dovuta attenzione ai particolari costruttivi, alle rifiniture, alla meccanica, e ho preso la decisione di fermarmi definitivamente: resterà cosi com’è!!
Ho deciso quindi di mettere in vendita il motore ed i carrelli cosi come sono fotografati sul blog: praticamente il motore è nuovo e completo di tutta la parte accessoristica, scarico radiale, centralina accensione, candelette e i carrelli completi di ruote cosi come in foto.

Per chi volesse contattarmi via mail: rotax912@outlook.it
oppure telefonicamente al 3286683957

Questa voce è stata pubblicata in Aeromodellismo. Contrassegna il permalink.

2 risposte a BOEING STEARMAN PT-17 BUILD-LOG by GIANNI da Short-Kit RCAeroModellismo.

  1. filippo scrive:

    vedo che il lavoro procede a gonfie vele e senza difficoltà.Ottimo direi, modello spettacolare che presto, spero entrerà a far parte del mio hangar.
    un saluto
    Filippo

  2. Pellegrino scrive:

    Bravo Gianni ottimo lavoro,Aeromodellisti veri ne sono rimasti pochi ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere in volo qualcosa che è stato messo in opera dalle tue mani.
    Buoni voli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *