BUILD-LOG FLY BABY scala 1:6

Ciao a tutti,

vi presento in questo articolo la buil-log della semiriproduzione in scala 1:6 dell’aereo sport anni 50 bowers fly baby.

il modello è stato realizzato da disegno nella scala 1:6, dopo aver apportato le opportune modifiche di cui avevo bisogno, quindi con un apertura alare di mm. 1400.E’ equipaggiato con un motore elettrico da 500 w, elica apc 12×8, batteria  4s, regolatore da 45 A e 4 servi hitec hs 55 per un peso in o.dv. di gr. 1700.

Ho iniziato la costruzione partendo dalla fusoliera che è composta da due fiancate del tipo a traliccio con listelli di balsa da mm. 5 e rinforzi in compensato di pioppo da mm. 3 per il supporto ala.

Ne andranno fatte due metà, si notano i supporti per la piastra batteria ed il supporto per il pilotino.

Una volta fatte le fiancate esse verranno unite tra loro tramite ordinate in compensato di pioppo da mm. 3 nella parte anteriore, di balsa da mm. 3 e listelli mm.5 nella parte posteriore.

vista da dietro

La copertura superiore è realizzata in balsa da mm. 2.Nella foto si vede anche l’alloggio con il pilota, lo schienale del sedile realizzato con imbottitura in depron sagomato e rivestita in pelle cucita sulla base in compensato di pioppo da mm. 3 ed il tealio della naca motore che andrà fissata alla fusoliera tramite due magneti.

in questa foto si nota l’alloggio dei servi del quota e del direzionale che sono situati subito sotto il pilota.

naca motore ultimata, rivestita con balsa da mm. 2 e la parte superiore del muso realizzata con un blocchetto di balsa sagomata in opera.

altra immagine della naca.

Per quanto riguarda le ali, sono costruite in due metà che andranno incollate tra di loro con il giusto diedro dato dal disegno e sono composte in centine di balsa da mm. 3 e longheroncini in tiglio 5×5, si nota anche la piastra in compensato di betulla da mm. 3 sull’alettone per avvitare in seguito la squadretta.

il cruscotto è stato realizzato con una piastra in betulla da mm. 3 con l’applicazione di strumenti e switch per simulare al meglio l’originale.

prova delle ali sulla fusoliera.

realizzazione del finto tubo di pitot realizzato con due tubetti di alluminio modellati con dremel sulla punta.

il parabrezza è realizzato tagliando tre sagme in compensato di betulla da mm. 1,5 dove poi andrà incollato il pet trasparente dalla parte interna.

il carrello è realizzato con acciaio armonico da mm. 3 saldato a stagno nei punti di giuntura previa legatura con filo di rame e successivamente ricoperto con balsa da mm. 4

In questa foto si nota il carrellino di coda realizzato con un tondino di acciaio armonico da mm. 1,5 sagomato mediante l’uso di semplici pinze, dove poi ho inserito un ruotino, il timone, come del resto il cabra/picchia, sono realizzati con i semplici listelli di balsa a sezione rettangolare.

Vista d’insieme del modello prima della ricopertura che avverà mediante oracover.

Particolare del cabra/picchia.

In questa foto si nota l’aggiunta di alcuni particolari come i finti sfiati del motore e la presa d’aria per raffreddamento del regolatore munita di retina.

in questa foto si nota il finto tappo della benzina realizzato utilizzando la parte zigrinata del tappo di una bottiglia di olio, che ho tagliato e modellato attorno ad un listello di legno di adeguato diametro, una volta ottenuta la forma voluta lo ho incollato ed ho inserito nella parte sueriore un pezzetto di termoretraibile per cavi ed ho verniciato a spruzzo.

Il modello ricoperto in oracover ed arricchito dei finti cilindri relizzati in compensato da mm. 1,5, tubetti in alluminio per gli scarichi ed i tiranti alari e dei piani di quota realizzati con il classico filo da pesca in acciaio rivestito in plastica trasparente.

Particolare dei finti cilindri.

Particolare dell’abitacolo con la guarnizione perimetrale ed il finto tappo del carburante.

Il modello termitato con l’applicazione delle decal realizzate appositamente per questo modello.

In conclusione devo dire che a questo modello sono molto affezionato in quanto è stata la mia prima realizzazione in balsa e compensato inoltre ha delle doti di volo eccezionali in quanto si può svolgere il classico volo da riproduzione ma anche l’acrobazia di base.

Un saluto a tutti e….alla prossima.

Filippo

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Aeromodellismo, Build log. Contrassegna il permalink.

6 risposte a BUILD-LOG FLY BABY scala 1:6

  1. admin scrive:

    Bel lavoro e bel modello! Forse se la naca motore era più arrotondata …. e poi gli strumenti non mi sembrano proprio circolari, come mai? Forse hai ritagliato male la stampa dello strumento?
    Hai messo dei gommini come cornice agli strumenti?

  2. sergio scrive:

    pikkola domandina Filippo : ma il motore raffredda bene tutto chiuso come da foto, o c’e’ una apertura al disotto del muso che io non noto?

    • Filippo Celi scrive:

      ciao sergio, si raffedda bene anche perchè l’aria che entra trova sfocio dall’abitacolo.anche durante i voli estivi non ho mai avuto problemi di surriscaldamento ne di motore, regolatore e batteria.un saluto Filippo

  3. admin scrive:

    Ottimo lavoro, anche l’applicazione del termoretraibile è venuta benissimo, anche i particolari che hai messo arricchiscono il modello, come i cavi che servono come tiranti.
    Alla prossima costruzione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *