Qui si vola Trainer Super QB25L

Martedì 20 Settembre 2016
Ciao a tutti! Rieccomi con un altro video girato in Luglio, quando l’aereo cominciava ad ingranare e io con lui!
Sono andato avanti come un panzer destreggiandomi sul campo con rifornimenti e procedure di pre volo e con l’avviamento motore. Ho volato molto con il vento, anche la Bora, imparando a tenere l’aereo in volo, livellato e forzato a seguire le mie traiettorie di volo mentre il vento tenta di destabilizzarlo e portarlo a fare acrobazie improvvise.
Tutto questo anche grazie al mio nuovo grande istruttore di volo, Silvio, che con la sua calma e pazienza mi infonde tranquillità e sicurezza!
Anche l’aereo, con la sua regolarità di funzionamento anche di motore, mi sta permettendo di concentrarmi sul volo.
Le piantate di motore, in volo, sono ormai un ricordo. La carburazione è ottimale e lo avvìo al primo colpo di dito di gomma! Il suo rumore, rotondo per quanto possa esserlo un 2 T, rassicura su quelle che sono le sue prestazioni in volo.
Ho fatto qualche piccola modifica come il pattino di coda in filo di acciaio al posto di quello in betulla che si è staccato, un simpatico cruscotto dove vedrete, nel filmato che girerò, l’immagine del nostro cagnolino Spock con un simpatico e comico messaggio, poi i tubi che escono dal serbatoio con sezione interna minore perché “ciuccia meglio” e infine la miscela con nitro metano, oltre al metanolo e olio di ricino che, unitamente alla carburazione ottimale raggiunta e dal continuato rodaggio del motore, ha fornito migliori prestazioni di regolarità nel funzionamento.
L’aereo, secondo quanto affermato dagli amici esperti del mio Gruppo, risulta costruito bene e dà quello per cui è stato costruito: un volo stabile e livellato che permette anche di divertirsi a pilotarlo … con acrobazie del mio maestro che scarica ogni tanto l’adrenalina per le paure che gli faccio prendere qualche volta con qualche manovra … pericolosetta che erroneamente faccio!!
Nel video che ho pubblicato ora sono ancora col primo istruttore (in realtà è il secondo …).
Nel video si vede che sto provando i primi tentativi di atterraggio … con scarso successo, poi arriveranno, a giorni altri video che in questi giorni sto girando.
Ecco il link del video:

Ora sto caricando i pacchi batterie per domani al campo volo dove, vento permettendo, girerò altri video con l’aiuto del mio amico Andrea, caro ex collega che sono riuscito a coinvolgere nella mia passione e che mi segue sempre con entusiasmo, pensando molto agli elicotteri di cui è appassionato e che spera di vedere un giorno o l’altro volare al campo volo!
A prestissimo con i prossimi filmati!

23 Settembre 2016 Qui si vola e … si atterra!!!
Ciao a tutti! Questo è il titolo che dovevo dare all’articolo perché ieri pomeriggio (giornata magnifica finalmente per volare) ho fatto il mio primo atterraggio portando felicemente a termine ben 5 landings!!
Un trionfo per me e per tutti gli amici al campo che mi stavano vicini a sostenermi e a festeggiarmi dopo con un bel “spritz” bianco a brindare!
Peccato perché il mio amico Andrea, per motivi di lavoro, non ha potuto venire al campo con me a riprendermi e quindi non ho potuto girare il video che speravo di pubblicare ma voglio lo stesso documentare e … pubblicare la gioia per quello che per me è stato un evento, al pari del volo di collaudo del 2 Luglio scorso!
In realtà, nascondendolo a tutti e forse anche a me stesso e adesso che me ne sono liberato lo posso dire, io pensavo, con una certa ansia da … esame o da prestazione se vogliamo dire … all’atterraggio che avrei dovuto fare e per il quale, con Silvio mio istruttore, mi preparavo in continuazione facendo prove su prove.
Ho adottato una tecnica con la quale ho potuto ingannare sia il mio istruttore che … me stesso, cercando di convincerlo e convincermi che io non provavo ad atterrare ma solamente a fare dei sorvoli della pista come faccio sempre per iniziare le sessioni di volo.
Ecco che così, arrivato a quell’immaginario punto nel cielo (sopra alla zona alberata del campo verso Nord), dove so che dovevo iniziare a virare a destra e diminuire il gas, dico a Silvio: “eccomi, vado!!” e lui, senza scomporsi: “ok, vai così”!
E così, senza aver tempo di perdere il tiro e di rendermi conto che a quel punto “rien ne va plus”, ho semplicemente fatto quello che dovevo fare e mentre ormai venivo tranquillo giù, sentivo Silvio dire: “oro, oro, vai così e cabra un po’!”.
Devo dire che non è che ho fatto degli atterraggi da manuale ma sono riuscito a tornare a casa con l’aereo salvo! E’ un po’ come dice lo scrittore alpinista Mauro Corona: “La montagna l’hai vinta se torni a casa salvo!”
Il problema sul quale dovrò lavorare ora è riuscire a gestire gli inevitabili salti che l’aereo fa non appena tocca il suolo. Infatti, a circa 1 metro da terra dove tutto ormai si gioca non più sulla portanza ma nella capacità di … mediare fra cabra, velocità in ogni istante ed inclinazione ad angolo acuto sempre più stretto, della fusoliera col suolo.
Praticamente bisogna riuscire a far sedere l’aereo senza contraccolpi e qua si vede la differenza.
Ho anche danneggiato, venendo giù troppo picchiato da circa 1 metro con il muso dell’aereo, il carrello che è la prima parte dell’aereo a toccare il suolo, ovviamente e che si è storto. L’abbiamo aggiustato sul posto, l’ho forzato, con molta cautela riportandolo alla giusta inclinazione e simmetria rispetto all’altra ruota.
Altra gioia e soddisfazione l’ho provata quando, l’amico Renzo che era sul posto con il suo aliante a elica retrattile, mi ha proposto di volare col suo aliante. Ho potuto provare così un’altra specialità del modellismo: il volo planato. Dopo aver portato in quota con l’elica elettrica l’aliante, Silvio me lo ha consegnato e io ho provato a scendere cercando di intercettare qualche termica che si fosse formata per … sbaglio! Comunque una esperienza nuova, di volo a vela, dove cominci a girare col direzionale ben prima di doverlo fare effettivamente vista la risposta molto lenta delle parti mobili. Un volo diverso, rilassato e neanche troppo concentrato tanto hai tutto il tempo per riprenderlo e governarlo, in caso di eventuali problemi.
L’atterraggio che ho fatto è stato molto semplice e riuscito rispetto al mio aereo, dove ho invece faticato per riuscire a trovare la giusta via! L’aliante ha preso terra dolcemente, pattinando sull’erba anche per un discreto tratto di pista, prima di fermarsi e inclinarsi su un ala.
Un trionfo per me, con la simpatica festa rumorosa e piena di scherzi e di prese in giro degli amici presenti che si sono lasciati sfuggire un commento che ho fatto finta di non sentire, hanno detto che praticamente sono un talento naturale, anche pensando al mio training e ai risultati raggiunti in tempo reale, se confrontati con i loro tempi di apprendimento che mi hanno assicurato essere pari ai miei! Qua ho dovuto bere un altro “spritz”, tanto ormai chi vola più con questo crescendo di emozioni di gioia, al suolo! Chi va più in alto a cercare la gioia dato che per oggi la può trovare a terra!
Ecco che così, gasato e contento me ne vado dal campo salutando calorosamente gli amici, come lo scalatore che, dopo essere tornato al campo base, saluta gli amici soddisfatto per la scalata appena ultimata!
Alla prossima sperando di poter girare finalmente un video che documenti quanto ora descritto!
Ciao a tutti!

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Qui si vola Trainer Super QB25L

  1. Filippo scrive:

    Complimenti lucio il modello ha un bel volo e tu stai facendo passi da gigante,continua cosi’
    Un saluto
    Filippo

    • lucio scrive:

      Ciao Filippo e grazie! Sta andando a tutto gas e ho imparato anche a volare con la Bora. Inoltre sto facendo i primi tentativi di atterraggio anche se, come si vede nel filmato, non portati a termine. L’aereo sta dimostrando quella bontà costruttiva che gli amici al campo volo hanno riconosciuto unanimemente, a parte alcuni casini che ho combinato sui bowden e le squadrette dei servi, nefandezze alle quali hanno prontamente rimediato gli amici aeromodellisti che me lo hanno messo a punto.
      Poi è stato un crescendo di soddisfazioni. Peccato che adesso dovevo essere a volare ma al campo volo mi hanno comunicato che c’è vento, vediamo per domani … Resta sintonizzato che posterò alcuni filmati appena possibile. Lucio

  2. admin scrive:

    Il nostro amico Lucio, ha iniziato circa un anno e mezzo fà questa avventura, costruendo di sana pianta un balsa kit ad ala bassa. Ha iniziato da zero, senza alcuna nozione costruttiva, chiedendo a noi di RCAeroModellismo informazioni man mano che andava avanti e chiedendo informazioni anche al campo volo presso il quale gli abbiamo consigliato di iscriversi, per avere un contato diretto.
    Ebbene; in questi giorni non solo ha terminato il suo modello, ma vola anche bene e non solo, ha imparato, grazie all’aiuto del suo gruppo volo, anche a manovrare il suo modello completando l’iter di pilotaggio con gli atterraggi.
    Un plauso alla sua costanza e perseveranza, senza mai dimenticare che l’imprevedibile può sempre accadere, ma avendo appreso le nozioni costruttive sarà agevolato nelle riparazioni.
    Quindi…bene così.
    Complimenti dagli amici di RCAeroModellismo.

    • lucio scrive:

      Grazie Daniele,
      tu non sai quanto bene mi facciano le tue parole! T i ringrazio veramente per tutto quello che hai fatto e stai tuttora facendo per alimentare la mia passione, una passione che coltivo con rispetto, per tutto quello che mi ha dato e mi sta dando. E’ grazie alla mia passione per questa gioia tecnica e umana che sono riuscito ad arrivare fin qua, a conoscere le persone che mi hanno aperto le porte di questo nostro splendido mondo … aereo! Quando vado a volare al campo volo ho la sensazione , una volta percorso l’ultimo tornante in mezzo alla boscaglia che sfocia finalmente nello spazio aperto del campo, di entrare in un altro mondo dove ritrovo i compagni di avventure di volo e di … qualche brindisi! L’occasione non manca mai oltre ad un sano spirito di gruppo e di gioiosa condivisione dei bei giocattoli posati sull’erba del campo che aspettano che ci ricordiamo di loro e li mettiamo in moto!
      Grazie Daniele a te che hai capito la mia richiesta di aiuto in quel messaggio di presentazione che ti avevo inviato, mettendoci tutto il mio cuore per far capire la mia consapevolezza di aver intrapreso una strada dove, se volevo andare avanti dovevo essere umile e chiedere aiuto confidando nel fatto che doveva sicuramente esistere qualcuno che avrebbe capito il mio bisogno! Grazie anche ad RCAeromodellismo per il continuo aggiornamento formidabile e ricco di succulente novità per noi Aeromodellisti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *