Stitts Playboy da progetto e short kit personale

Salve a tutti,

sono nuovamente a descrivere questa mia nuova avventura aeromodellistica.

Il modello che andro’ a documentare in questo nuovo build log sara’ uno dei modelli che difficilmente non si vedono nei campi di volo e quindi lo Stitts Playboy, modello ad ala bassa per volo da riproduzione od acrobazia di base.

Premetto che a me sono sempre piaciuti, oltre ai biplani, i modelli sport ad ala bassa e dopo aver realizzato lo Spacewalker in scala 1/3 da disegni della Sig come documentato in un altro articolo, mi sono cimentato prima nel disegnare e poi nell’iniziare a costruire il modello in questione.

La scala e’ fissata sempre in 1/3 e quindi un ‘apertura alare di 2250mm. La struttura delle ali e’ la classica a centine e longheroni e la fusoliera in struttura mista, a traliccio per la parte posteriore ed ordinate e listelli per la parte anteriore.

Inizio con il documentare il lavoro svolto ad oggi.

Ho preferito iniziare dalle ali: esse sono composte in tre parti, semiala destra, semiala sinistra e perte centrale che rimarra’ fissata alla fusoliera ed ospiterà le due semiali che verranno fissate ad essa tramite quattro baionette due per la semiala dx e due per la semiala sx, in alluminio quadro 20×10 e serrate con viti m4.

Preciso che in questo progetto ho preferito montare l’ala sul piano al contrario in quanto si è semplificato assemblare da subito la piastra per  il supporto del carrello.

img-20171106-wa0029

Nell’immagine vediamo la semiala sx, compresa metà della parte centrale, con le relative centine posizionate, il longherone inferiore e le due baionette già forate per il successivo fissaggio alle controventatura in comp. marino che andranno posizionate successivamente.

img-20171106-wa0040

Proseguono i lavori di incollaggio delle varie parti.

20171109_124559

Particolare del fissaggio alla controventature della baionetta anteriore.

20171109_124620

In questa immagina possiamo vedere anche la baionetta posteriore fissata alle controventature, la piastra del carrello in posizione, incollata con uhu plus, la centina centrale della semiala fissa a diedro perfetto in modo che quando sarà incollata all’altra semiala fissa essa darà il giusto diedro a tutta l’ala, e la piastra in betulla per il fissaggio dell’ala alla fusoliera.

20171109_124555

Vista d’insieme dove si notano i pezzi che compongono il terminale alare realizzati in pioppo da 3 mm. per i triangoli e pioppo da 5 mm. per le parti semicircolari.vMancano ancora da realizzare gli alettoni.

20171110_190416

Realizzazione dell’alettone che andrà successivamente staccato e rifinito ed inizio della copertura in balsa della semiala.

20171122_112723

Terminata la prima semiala, lo stesso lavoro andrà fatto per l’altra. Da notare che la metà della parte che sarà fissa è sempre unita alla semiala e successivamente andrà staccata ed incollata all’altra al termine della costruzione della seconda semiala.

20171128_102548

Ecco la parte centrale dell’ala, staccate dalle rispettive semiali, incollata e rinforzata con una baionetta di alluminio diametro 25mm. Successivamente andrà completamente rivestita con balsa da mm. 2.

20171129_090035

In attesa che essecchi la colla per rimuovere spilli e nastro carta.

20171125_190032

Vista della semiala sx a rivestimento in balsa ultimato ed in attesa che la colla faccia il suo lavoro. Si notano le due baionette fissate alla semiala che andranno ad innestarsi nella parte fissa.

img-20171126-wa0011

Prova di montaggio quando ancora la parte centrale non era rivestita. Sinceramente ha un bell’effetto.

Per adesso mettiamo da parte le ali e realizziamo i piani di quota.

Essi sono composti da listelli in balsa da 10 mm.

Di seguito un po’ di foto che documentano la realizzazione.

img-20171103-wa0009

Piano di quota con i supporti per le squadrette del cabra/picchia

20171104_173655

Deriva e timone.

Passiamo ora alla fusoliera.

Per primo ho realizzato il traliccio di coda. Esso e’ composto da listelli in balsa 6×6, piastra per supporto carrellino di coda e per tiranti in betulla da mm. 3.

20171201_130139

20171201_130120

Verifica dell’allineamento in quanto con i tralicci è facile svergolarli.

20171202_192603

Ultimato il traliccio di coda ho realizzato la parte anteriore della fuosoliera. Essa è composta da un tunnel centrale in compensato di pioppo da mm. 3 con i relativi rinforzi, la parafiamma in betulla da mm. 10 e da semiordinate e listelli da applicare sull’esterno della fiancata e sulla parte superiore della fusoliera. Il tunnel centrale verrà assemblato sullo scaletto di montaggio.

img-20171209-wa0029

Le due parti sono adesso unite e posso procedere con l’assemblaggio.

20171212_184703

Posizionamento delle restanti ordinate e dei listelli.

20171215_120512

Ho predisposto un’apertura anteriore per l’inserimento delle batterie perchè nel mio caso sarà equipaggiato con motorizzazione elettrica ma puo’risultare utile anche per il montaggio ed ispezione del serbatoio per una eventuale motorizzazione a scoppio.

img-20180131-wa0015

In questa foto di prova di assemblaggio si nota l’inizio del rivestimento in balsa da mm. 2 della fusoliera. Il b.e. dell’ala deve essere sempre sagomato.

img-20171207-wa0000

Nel frattempo ho iniziato a realizzare le fiancate dell’abitacolo cercando di riprodurre il telaio interno ed i rivetti che risalteranno una volta verniciato.

img-20171208-wa0028

Ho iniziato anche a realizzare le cuffie del pilota, che andranno poi terminate e rifinite.

img-20171208-wa0033

Prova sul manichino per verificare la misura.

20180207_184328

img-20180208-wa0012

20180412_180743

img-20180409-wa0024

Continuo il rivestimento in balsa della parte anteriore della fusoliera.

20180213_164941

Sono passato poi ad applicare i tre supporti in compensato di pioppo da mm. 5 sulle fiancate prima di applicare il rivestimento in balsa.

20180416_191941

20180416_191954

20180506_184337

Ho realizzato anche i Karman alari prendendo spunto da un articolo di Sergio presente su questo blog.Come da lui descritto ho prima protetto l’ala con nastro carta dove ho disegnato la forma del mio karman e di conseguenza ho ricavato delle dime, due inferiori e due superiori in cartoncino.Successivamente ho trasferito le dime in cartoncino sulla balsa da mm. 2, e dopo aver verificato il corretto posizionamento ho proceduto all’incollaggio ed alla successiva carteggiatura e modellazione.Nella foto di seguito il risultato ottenuto.

20180506_184653

20180507_171645

Ho provveduto inoltre a realizzare un rinforzo in compensato di pioppo da mm. 3 per la parte inferiore posteriore della fusoliera.

img-20180514-wa0004

Vista d’insieme…..siamo quasi pronti per il rivestimento in Solartex.

Arrivati a questo punto, mi sono dedicato alla realizzazione del cockpit che documento nelle foto seguenti.

Per prima cosa ho realizzato il sedile usando balsa da 15 mm. sagomata e successivamente rivestita con vera pelle e poi ho realizzato il pianale dell’abitacolo in compensato di pioppo da mm. 3 e successivamente rivestito in lamierino da tipografi rivettato.

20180517_174746

20180517_184424

A questo punto ho realizzato la pedaliera con un tubo di alluminio da mm. 3 di diametro, , ho posizionato la cloche ed ho fissato il manichino del pilota al sedile con le cinture, quindi il pilota è amovibile e non incollato.

img-20180518-wa0017

Ho realizzato anche il quadro strumenti e i comandi da applicare sulla paratia dell’abitacolo.

img-20180519-wa0009

img-20180519-wa0010

Completati i comandi ho realizzato i finti montanti del telaio, ho verniciato in verde oliva l’interno dell’abitacolo in modo che risaltassero anche i rivetti fatti con siringa e vinavil ed ho inserito tutto in posizione.

img-20180519-wa0014

img-20180519-wa0013

di seguito una foto d’insieme con pilota posizionato ed una dove si notano anche i montanti alari.

img-20180527-wa0019

img-20180527-wa0006

Ho provveduto anche a realizzare il parabrezza dell’abitacolo, partendo da una dima in cartoncino ricavata mettendo in prova sulla parte superiore della fusoliera e ritagliandola poco per volta fino ad ottenere la sagoma voluta per il parabrezza;una volta ottenuto un risultato decente ho trasferito la dima su un pezzo di pet da 0.8 mm. di spessore ed ho ritagliato la forma del parabrezza.Successivamente ho ricavato, sempre usando la medesima dima in cartoncino, due telaietti in lamierino da tipografi, uno interno ed uno esterno, che ho rivettato dalla parte posteriore in modo che i rivetti risaltassero in rilievo.Ho praticato i dovuti fori per il fissaggio del parabrezza alla fusoliera ed ho applicato una guarnizione in gomma di rifinitura.Di seguito il risultato ottenuto.

img-20180613-wa0015

img-20180613-wa0017

Siamo giunti al momento del rivestimento.Il modello, come sono solito fare, lo rivestiro’ con il Solartex ed in seguito lo vernicero’.In casa avevo a disposizione 10 mt. di Solartex verde oliva ed ho approfittato per utilizzarlo.

img-20180614-wa0004

img-20180614-wa0005

Ho iniziato prima con le ali.

20180623_183948

Poi con la fusoliera e piani di coda.

Ho installato sia il carrello principale che quello di coda in carbonio ed ho fatto una prova di assemblaggio per vedere il risultato.

20180624_121331

20180624_121428

Ultimato il rivestimento e’ arrivato il momento di dedicarsi ai particolari ed ai dettagli, che saranno quelli che daranno veridicita’ al modello.

Inizio con il creare le finte cuciture della tela da applicare su ogni centina delle ali, sui piani di quota e su deriva e direzionale.

Ho iniziato dalle ali.

Preciso che in america on line si trovano gia’ fatte in varie scale, ma facendo due conti tra spedizione e tempi di consegna conviene farseli da soli.

Vediamo come si fa:

20180702_172147

Partiamo da due pezzi di biadesivo sottile ( perche’ essendo il mio da 4 cm. di larghezza e facendo striscioline da 6 mm. ne ho ottenute 12 che poi ho diviso a metà quindi 24 pezzi, pero’ dovro’ farne altri per completare il tutto), fissato al banco con nastro carta.Una volta deciso la distanza tra una cucitura e l’altra ho provveduto ad applicare sul biadesivo dei pezzi di filo da cotone da sarti diametro medio.Nel frattempo mi sono preparato un pezzo di solartex della stessa dimensione del biadesivo.

20180702_173327

Ho preso il pezzo di solartex, ho rimosso la pellicola dalla parte della colla termosaldante e lo ho applicato sopra il biadesivo pressanodolo bene specialmente in aderenza al filo di cotone.

20180702_180054

Ho segnato poi la misura delle striscioline da tagliare con il tagliabalsa, nel mio caso 6mm. l’una, ed ho provveduto al taglio e ho ricavato i miei pezzi.

20180702_181157

A questo punto ho rimosso l’altra pellicola del biadesivo ed ho iniziato ad applicare la striscioline ricavate in precedenza sulle centine della semiala avendo cura di pressarle bene in modo che aderissero fermamente.

20180702_183108

Ho poi preparato con le forbici da sarto a zig zag varie striscioline di adeguata misura nel mio caso 12 mm. di solartex, le ho posizionate sopra a quelle posizionate in precedenza ed ho provveduto a stirarle facendole bene aderire a l rivestimento ed a quelle sottostanti.

Il risultato e’ quello che si vede in foto, praticamente come quelle vere.

Adesso devo procedere in questo modo su tutta l’ala ed i piani di quota.

 

Adesso resta da fare qualche rivetto, completare il master e resinare la naca e verniciare.

Sto vedendo piano piano il traguardo.

Dopo il collaudo a chi sara’ interessato mettero’ in produzione lo short kit.

A breve altri aggiornamenti.

Un saluto a tutti

Filippo

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Aeromodellismo, Build log, Disegni e Short- Kit. Contrassegna il permalink.

35 risposte a Stitts Playboy da progetto e short kit personale

  1. lucio scrive:

    Caro Filippo
    non so che dire! Sono veramente appagato da quello che ho visto! Un lavoro magnifico portato avanti con grande maestria e precisione! Mi piace veramente e, quello che è importante precisare, mi invoglia a lavorare, andare avanti perché tutto il building del tuo aereo è veramente una bandiera per l’aeromodellismo! Veramente complimenti sinceri. Resto sintonizzato sui tuoi aggiornamenti dell’articolo. Un saluto Lucio

  2. admin scrive:

    Bel progetto!
    Che tipo di profilo hai usato, se puoi dirlo.

  3. admin scrive:

    Il kit lo hai tagliato con la CNC del vostro gruppo/amico? Se si, allora è tornanta operativa.

  4. admin scrive:

    Piccola parentesi, da Cuccolo ( ex venditore di modelli) è possibile avere le capottine trasparenti dell’abitacolo dell’ SF-260. Anche se della versione 2200 mm di ala, contro i 2000 mm della nostra versione, penso che rifilandola a dovere si potrebbe adattare, te lo dico perché penso possa interessarti.

  5. admin scrive:

    Giuseppe ( che stava aspettando appunto la capottina) l’ha presa, appena gli arriva vediamo come va.
    Penso 20/30 euro. Poi mi dirà.

  6. Roberto MENEGAZZI scrive:

    Complimenti un lavoro, ben fatto: Io sono molto interessato all’acquisto del short kit per farlo anch’io ELETTRICO . Da chi si può sapere come ordinarlo, prezzi, tempi di consegna . Certo di una risposta ringrazio Roberto M.

  7. giovanni scrive:

    Buongiorno Filippo, complimenti per tutti i kit, sto costruendo lo Stits scala 1/3 della olimpic, è possibile avere la naca motore e le carenature ruote… …grazie.

    • Filippo Celi scrive:

      Salve giovanni non li ho ancora disponibili, devo sempre fare i master che li farò a modello ultimato. Il modello della olimpyc non è più piccolo? Se non erro dovrebbe essere intorno a 1.60 di ala

  8. giovanni scrive:

    Buongiorno Filippo scusa la domanda fattibile un diedro di 5° circa 8,5 cm sull’ultima centina ? grazie.

  9. Roberto scrive:

    Bellissimo lavoro bellissimo modello e visto che sono un amante di questo modello vorrei conttatarti per alcune delucidazioni , ridando stimolo nel costruirlo anche avendo poco tempo a disposizione e possibilmente se hai a disposizione il kit.Saluti Roberto

  10. mauro scrive:

    è possibile conoscere la composizione del kit e il costo .
    grazie

  11. lucio scrive:

    Ciao Filippo, ho appena pubblicato una nuova puntata del mio articolo e sono subito corso a gustarmi la continuazione del tuo Stitts, che dire: splendido, da assaporare e rubare con gli occhi i vari dettagli che metti in evidenza. Per l’abitacolo poi, non ho parole, pensavo di aver creato chissà cosa io sul mio M-86 ma dopo ho visto il tuo e ho dovuto ricredermi. Realismo e modellismo statico di alto livello. Complimenti sinceri. Lucio

  12. admin scrive:

    Stai andando alla grande, non pensavo ti volessi spingere così il la con il livello riproduttivo.
    Ottimo lavoro.

  13. alessandro cocchiara scrive:

    bel progetto e bellissima realizzazione. Nel caso di motorizazione a scoppio che cilindrata prevedi? Io vorrei realizzare lo stesso modello da 3,20 metri di apertura alare e montare un bicilindrico 120 cc. (che già ho). Sarei interessato a prendere (ovviamente a pagamento) il disegno di uno stits di tali dimensioni. Sarebbe possibile per te realizzarlo?

  14. admin scrive:

    Io non lo vernicerei, va già bene così. Un bell’aereo …militare :)

    • Filippo Celi scrive:

      Devo verniciarlo perché quando farò i rivetti e le cuciture avranno bisogno di verniciatura e poi sinceramente verde non mi piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *