ARRICCHITORE DI MISCELA PER MOTORI BENZINA

I motori a benzina a volte possono presentare problemi nell’avviamento, sia a freddo che a caldo, ma più frequentemente dopo lunghi o medi periodi di inattività. Anche se i carburatori per motori a benzina, sono dotati di un sistema con pompa interna, può accadere di avere difficoltà nel ricaricare la tubazione e aspirare la benzina dal serbatoio.
Facendo girare il motore a mano dall’elica, la rotazione è molto limitata e quindi sono necessari molti colpi all’elica per l’avviamento.
Abbiamo deciso di risolvere questo problema allagando di benzina la zona sotto la membrana, proprio dove si trova lo spillo di immissione .
Questa pratica è abbastanza diffusa negli analoghi motori per motoseghe e decespugliatori.
Infatti hanno in dotazione una pompetta per mettere in pressione il carburatore ed allagando di benzina la zona sopra descritta.
Abbiamo deciso di applicare una analoga situazione anche sui motori aeromodellistici a benzina.
I carburatori che vengono usati in aeromodellismo, altro non sono che le vecchie versioni di quelli che un tempo venivano usati nei motori a 2T per giardinaggio, mentre adesso vengono usati dei carburatori con un tubo in più e questo tubo è in collegamento diretto con la zona sotto la membrana e spillo.
Quindi possiamo usare, un nuovo carburatore con due tubi, uno per immissione benzina di alimentazione ed uno per pompare ed arricchire la pressione all’interno del carburatore.
Oppure modificare semplicemente il carburatore esistente.
Per fare questa modifica, basta forare il carburatore nella zona accanto alle due viti per la regolazione di minimo e massimo. Se notate, accanto alle due viti c’è un piccolo puntino non forato, quello è il punto dove forare con una punta da 3,5 mm. Precedentemente bisogna forare nella zona da allagare, vedere immagine. Filettare il foro esterno con maschio da 4 mm, filettare un tondino in ottone da 4 mm per la lunghezza che deve essere avvitato ed esternamente mantenere un tubo liscio da 4 mm per l’inserimento del tubo in tygon, ovviamente il tondino di ottone va forato con una punta da 2,5 mm.
Questo tubo, deve essere inserito in apposita pompetta di ripresa reperibile in commercio, vedi foto, a pochi euro, circa 5 euro, questa pompetta ha due attacchi un ingresso ed una uscita, al suo interno c’è una valvola di non ritorno che impedisce il riflusso indietro e verso il serbatoio della benzina.
L’altro attacco della pompetta serve per collegarci un altro tubo benzina e va portato al serbatoio ed al raccordo sul serbatoio deve essere inserito un altro tubo che pesca alla base del serbatoio.
Azionando la pompetta, premendola con un dito, si aspira la benzina dal serbatoio e si invia direttamente nella zona sopra lo spillo, l’eventuale benzina in più colerà dall’imboccatura del carburatore stesso senza alcun danno.
Con questa configurazione, il motore sarà molto più pronto alla partenza senza neanche bisogno di utilizzare il comando dell’aria, perché una volta avviato il motore la depressione che si crea all’interno del carter sarà sufficiente per aspirare la benzina dal serbatoio e riempire la tubazione fino al carburatore stesso.
img-20190210-wa0026
La freccia indica il punto dove inserire il nuovo tubo di ottone.

img-20190210-wa0027
La freccia indica il foro da eseguire nella zona che deve essere allagata dalla benzina e che è in diretto collegamento con il tubo in ottone. Il foro è sufficiente da 1,5 mm.

20190210_172823_resized
Vista generale del motore con la modifica, in questo caso abbiamo anche applicato un attacco per rifornimento rapido.

20190210_172833_resized
Qui, invece, si nota il tubo in ottone applicato ed i tubi in tygon inseriti nella pompetta di ripresa.

20190210_172842_resized
Ancora una vista della pompetta e relativi tubi.

20190210_172853_resized
Pompetta in primo piano.

pompetta-benzina-decespugliatore-motosega-tosaerba-pompa-avviamento-filtro
Pompetta di ripresa facilmente reperibile in commercio.

VIDEO DLE

Lo scopo di questo articolo, è semplificare l’avviamento del vostri motori a benzina, specie dopo lunghe inattività ma anche nell’uso settimanale dei vostri modelli. Per qualsiasi informazioni siamo a disposizione e potete contattarci tranquillamente.

Questa voce è stata pubblicata in tecnica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *