CAPRONI AP-1 BUILD-LOG by MARCO

Dopo la realizzazione dello Spitfire, grazie ai disegni messi a disposizione gratuitamente da RCAeroModellismo, Marco si cimenta con un altro Short-Kit di RCAeroModellismo. Il Caproni AP-1, con 2200 mm di aperura alare e spinto da motori benzina da 50cc.
Questo modello è stato costruito da diversi appassionati di aerei riproduzione storici, per via anche delle otime doti di volatore.
La costruzione è classica, fusoliera e velature in legno di compensato di pioppo e betulla, con la fusoliera assemblabile su scaletto.
Alcune foto ritraggono l’inizio dela costruzione.

img-20191122-wa0001
Fusoliera assemblata sullo scaletto.

img-20191122-wa0002
Ordinata sul bordo di entrata ala e box motore.

img-20191122-wa0003
Il box motore può essere spostato avanti e indietro a secondo della motorizzazione usata.

img-20191122-wa0004
Qui si nota la parafiamma con supporti per la naca motore.

img-20191122-wa0005
Immagine precedente al fissaggio della prafiamma, l’ordinata n 2 ed il box motore vengono rinforzati con tessuto e resina epossidica, lo stesso sarà per la parafiamma.

img-20191122-wa0006
Il rinforzo con tessuto e resina anche nella parte interna.

img-20191123-wa0000
Le ordinate corrispondenti all’ala, hanno disegnato la sagoma per il karman alare. Qui si vede la parte inf. che sta per essere rivestita con tavolette di balsa.

img-20191123-wa0001
La parte centrale della fusoliera è interessata dalle fiancate interne che oltre a irrigidire la fusoliera hanno il compito di impostare i gradi di incidenza ala.

img-20191123-wa0002

img-20191128-wa0001
Qui si nota il karman rivestito e anche parte della fusoliera. La parte post rimarrà con solo i listelli e rivestimento in termoretraibile.

img-20191201-wa0001
La parte ant completamente rivestita in balsa.

img-20191128-wa0002

img-20191128-wa0003

img-20191201-wa0003

img-20191206-wa0000
Realizzate le velature di coda e montate sulla fusoliera.

img-20191206-wa0001
Tutti i pezzi per assemblare le velature di coda sono forniti nello Short-Kit ed anche in questo caso viene fornito un supporto con sagoma del piano di quota a zero gradi.

img-20191206-wa0002

img-20191206-wa0003
Particolare della zona di coda, si nota il supporto per il servo di coda.

La motorizzazione sarà affidata ad un bicilindrico RCGF 50 TWIN.

img-20191108-wa0000

img-20191108-wa0001

img-20191108-wa0002

img-20191108-wa0003

Inizio lavoro sulla cabina pilotaggio e tettucio.
img-20191223-wa0000
Il tettuccio, fornito nel kit, è composto dalle ordinate del telaietto e delle parti per fare il parbrezza e tutta la parte anteriore. Per il resto, poi, ci si può divertire ad aggiungere particolari reperiti da documentazione storica.

img-20191223-wa0001

img-20191223-wa0002
In questo caso, ho realizzato la parte della cabina smontabile.

img-20191223-wa0003

img-20191223-wa0004

img-20191217-wa0009

img-20191217-wa0011

img-20191217-wa0010

La struttura generale dell’ala è terminata, adesso mancano solo pochi dettagli. Sono stati anche realizzati, a mano, i carrelli. Il compito è stato affidato ad un collaboratore di RcAeroModellismo, Massimo.

IMG-20200114-WA0000

IMG-20200119-WA0000

IMG-20200119-WA0002

Il modello è quasi terminato, sotto altre foto.

IMG-20200316-WA0012
Postazione mitragliatrice post.

IMG-20200316-WA0013
Posto di pilotaggio.

IMG-20200316-WA0014

IMG-20200316-WA0015
Simulacro motore.

IMG-20200316-WA0016
Capottina realizzata con il telaio fornito nel kit.

IMG-20200316-WA0017

IMG-20200316-WA0019

IMG-20200316-WA0018

IMG-20200316-WA0020
Particolare della postazione mitragliatrice post.

IMG-20200316-WA0021
Dettagli della strumentazione.

IMG-20200316-WA0022
Interno cabina pilotaggio.

Adesso vediamo nel dettaglio la realizzazione del carrello posteriore, inizialmente lo avevo realizzato con tondino d’acciaio, ma effettivamente, oltre a piegarsi troppo sotto il peso era proprio inguardabile ed allora ho deciso di rifarlo ex novo ed esteticamente più valido oltre che molto più funzionale.

IMG-20200317-WA0000

IMG-20200317-WA0001

IMG-20200317-WA0002
Supporto che farà la funzione della balestra.

IMG-20200317-WA0003

IMG-20200317-WA0004
Il tutto saldato a stagno.

IMG-20200317-WA0005

IMG-20200317-WA0006
Assemblaggio sul modello.

IMG-20200317-WA0007

IMG-20200317-WA0008
Ultimato il carrellino, ho agganciato le due molle di ritorno.

Questa voce è stata pubblicata in Aeromodellismo. Contrassegna il permalink.

8 risposte a CAPRONI AP-1 BUILD-LOG by MARCO

  1. Filippo Celi scrive:

    Grande marco ottimo lavoro.Filippo

  2. Marco maiolini scrive:

    Grazie Filippo detto da un maestro come te mi fa un enorme piacere!! Ti ringrazio!!

  3. admin scrive:

    Osservando la parte anteriore della naca motore, mi sembra un pò troppo ” piatta”. A meno che non sia una distorsione dell’immagine, credo dovrebbe essere più arrotondata e inclinata in avanti. Reperisci su internet immagini dell’AP-1 e osserva bene quel particolare.

  4. guido tofanelli scrive:

    ciao, lo stò facendo anch’io, per il ruotino di coda che soluzione hai trovato?
    bel lavoro.
    ps. andrà tutto bene!!

    • admin scrive:

      Per il ruotino di coda, soluzione tradizionale. Supporto interno di pioppo, filo d’acciaio sagomato e fissato al supporto e ruotino. Niente di particolare. Grazie per il commento. Quello che costruisci tu che dimensioni ha? Lo hai progettato direttamente tu? Potresti postare qualche foto su questo blog, per vedere come lo hai fatto.
      Saluti.
      Marco.

      • guido tofanelli scrive:

        ciao, grazie per la risposta, quindi solo tondino acciaio senza forcella in scala.
        il mio è lo stesso short kit. preso diverso tempo fa ed iniziato da poco.
        ..azz di corona virus.
        puoi postare qualche foto del rotino? e del sistema di aggancio.
        ciao e grazie
        Guido

        • admin scrive:

          Effettivamente il carrellino post in quel modo non si poteva guardare e visto il tempo ” obbligatorio” a disposizione, ho rifatto tutto. Se vai all’articolo sul blog trovi le ultime foto sia del modello che del particolare del carrellino come mi avevi chiesto.
          Saluti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *